Calciomercato Inter: rispunta Dybala con i soldi di Icardi e Lautaro Martinez

Con i soldi delle cessioni di Lautaro Martinez al Barcellona e Icardi al PSG, Dybala torna ad essere un sogno per l’Inter. La Juventus lo valuta 90 milioni.

In casa Inter, tra Werner e Cavani, il vero sogno si chiama Paulo Dybala. La Joya argentina, più che un semplice sondaggio, è un vero e proprio obbiettivo.

Sulla trattativa ci sarebbe la forte spinta di Antonio Conte, che tanto vorrebbe riavere l’argentino al posto del partente Lautaro Martinez.

A livello economico l’Inter, se riuscisse a vendere sia il Toro al Barcellona che Icardi al PSG, potrebbe provare un reale affondo sull’ex Palermo, grazie ad un bottino di circa 150 milioni (90 Lautaro Martinez, 60 Icardi)

La richiesta che la Juventus fa per Dybala, in ogni caso, sfiora i 90 milioni, cifra che l’Inter ritiene un tantino alta, ma comunque abbordabile. Soprattutto calcolando che con la parte rimanente del tesoretto i nerazzurri riuscirebbero comunque a rafforzare gli altri due ruoli richiesti da Conte: il centrocampo (Tonali) e un esterno di fascia.

A leggerla così potrebbe sembrare tutto rosa e fiori per i nerazzurri, se non fosse per una politica ben chiara in quel di Torino: mai rafforzare le avversarie. Difficile, quindi, che la Juventus possa accettare questa soluzione con facilità.

Più probabile, invece, una trattativa per il rinnovo di Dybala atta ad alzare ancor di più il prezzo del cartellino.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi