Calciomercato Inter: proposto Gagliardini per Izzo

Tra Inter e Torino si riaccende una trattativa già discussa lo scorso anno: lo scambio Gagliardini-Izzo.

Antonio Conte vuole Armando Izzo. Notizia vecchia quanto attuale, dal momento in cui l’amore del tecnico nei confronti del difensore italiano non è mai andato a scemare. Questo, soprattutto grazie alle splendide doti del napoletano nella difesa a 3.

Dopo dei fallimentari tentativi per portarlo a Milano la scorsa stagione, l’Inter, questa volta, non sembra essere assolutamente intenzionata a lasciarselo sfuggire.

Soprattutto calcolando il probabile addio di Godin, che mai è riuscito ad adattarsi a dovere alla difesa proposta da Antonio Conte.

L’idea dell’Inter – che potrebbe chiudere la trattativa in tempo lampo – sarebbe quella di inserire Roberto Gagliardini nella trattativa, per uno scambio alla pari. Il centrocampista ex Atalanta è infatti molto apprezzato in casa granata.

Inoltre, non sarebbe da escludere un’operazione ancora più larga sull’asse Milano-Torino, che vedrebbe l’inserimento di Pinamonti, in prestito, nella trattativa.

Chiaramente per poter fare ciò c’è bisogno dell’ufficializzazione del gentleman agreement tra Genoa e Inter, con la società nerazzurra che, in accordo con il presidente Preziosi, andrebbe a prelevare nuovamente il cartellino del giovane.

Fondamentale per il benestare dell’operazione potrebbe essere la mediazione di Mino Raiola, agente sia di Pinamonti che dello stesso Izzo, che con Marotta è da anni in rapporti ottimi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi