Bundesliga 2017-2018, l’Amburgo retrocede per la prima volta nella propria storia: l’orologio si è fermato e scoppia la rabbia dei tifosi

Dopo 54 anni, 262 giorni e 36 minuti, l’Amburgo retrocede dal massimo Campionato tedesco.

Dalla prossima stagione la Bundesliga non avrà più nessuna squadra ad aver partecipato a tutte le edizioni del massimo campionato tedesco. L’ultimo club a resistere era l’Amburgo, ma dopo 54 anni, 262 giorni e 36 minuti è crollato anche il muro della squadra tedesca, nonostante l’inutile vittoria per 2-1 sul Borussia Moenchengladbach nell’ultimo turno di Campionato.

Ad Amburgo la gara è stata anche interrotta al minuto 90 dall’arbitro Brych per disordini sugli spalti con fitto lancio di fumogeni: in campo cordoni di polizia e agenti a cavallo prima della ripresa del gioco dopo circa 15 minuti. Ma al Volksparkstadion di Amburgo l’orologio si è fermato qui, a scandire inesorabile i 54 anni, 262 giorni e 36 minuti.

A condannare il glorioso club (nel suo palmares anche 3 scudetti e una Coppa Campioni, ndr) alla Zweite-Liga il contemporaneo successo per 4-1 del Wolfsburg sul Colonia. Ora, nei massimi 5 campionati europei (Italia, Spagna, Inghilterra, Germania e Francia) sono dunque sempre meno le squadre a poter vantare il “mai stati in Serie B“. A far compagnia all’Inter sono rimaste Real Madrid, Barcellona e Athletic Bilbao