Bulgaria – Italia 0-2, voti e pagelle: Spinazzola il migliore, deludono Barella e Chiesa

L’Italia vince 2-0 contro la Bulgaria e sale a 6 punti nel gruppo C valido per le qualificazioni Mondiali a Qatar 2022. Gli Azzurri trovano il vantaggio nel primo tempo grazie al rigore di Belotti e raddoppiano a otto dal termine con Locatelli. Mercoledì il prossimo impegno contro la Lituania.

Tutto secondo pronostico: l’Italia vince anche contro la Bulgaria e continua il percorso netto nel girone di qualificazione mondiale dopo la vittoria nella partita d’esordio contro l’Irlanda del Nord.

Un altro 2-0 ma un’altra prestazione opaca e poco brillante della Nazionale, che riesce a far valere il suo maggior tasso tecnico contro una compagine più che modesta come la Bulgaria, ma fatica nell’imporre gioco e ritmo adeguati.

Mancini opera qualche cambio rispetto al match contro l’Irlanda del Nord e sceglie Acerbi al posto di Chiellini, Spinazzola al posto di Emerson Palmieri e confermando Bonucci e Florenzi in difesa. A centrocampo confermato il solo Verratti con Locatelli e Pellegrini sostituiti dai nerazzurri Barella e Sensi. In attacco rimane solo Insigne, con Belotti e Chiesa a prendere il posto di Immobile e Berardi.

L’Italia prende ovviamente le redini della partita fin da subito, trovandosi di fronte un avversario che imposta una gara di contenimento e di totale chiusura degli spazi. La tattica bulgara ha anche una sua efficacia perché la manovra azzurra è molto lenta e compassata, la costruzione di gioco è assente di ritmo e movimento e manca velocità, condizioni che favoriscono la retroguardia dei padroni di casa.

Che sia tramite fraseggio e passaggi corti o lanci lunghi a scavalcare la mediana la costante è la mancanza di idee ma soprattutto di velocità da parte della Nazionale che non riesce a sfondare il muro bulgaro. La catena di sinistra con un Spinazzola in forma e il solito asse VerrattiInsigne gita bene ed è dove l’Italia riesce a creare e tenere possesso ma senza affondare.

Molto male l’out destro con Florenzi troppo timido, una Barella non incisivo e un Chiesa confuso. La retroguardia rischia nulla, Donnarumma è inoperoso ma il match è bloccato e il primo tempo azzurro rischia di chiudersi con zero tiri nello specchio.

La partita si sblocca solo al 43° minuto quando Belotti ottiene un rigore generoso venendo steso in area. Dagli 11 metri va lo stesso Belotti che fa 0-1 prima dell’intervallo.

La ripresa è in calando, la catena di sinistra si conferma la più in forma ma i bassi ritmi non creano apprensione. Al 68° i primi cambi con Di Lorenzo (sv) al posto di uno spento Florenzi e Locatelli al posto di un discreto Sensi. É proprio il giocatore del Sassuolo a dare una scossa al finale di partita.

Su una buona combinazione Verratti Insigne (una delle poche in tutta la partita) si inserisce in area Locatelli che con un bel destro a giro trova lo 0-2 finale. Nell’ultimo quarto c’e spazio per Immobile (5.5, due tiri: uno spreca un gol, sull’altro è bravo il portiere) e le presenze di Bernardeschi (sv) e Pessina (sv). Bene i 3 punti ma gioco e ritmi dovranno migliorare quando il livello delle avversarie si alzerà.

VOTI E PAGELLE BULGARIA – ITALIA

DONNARUMMA, 6: inoperoso per 90 minuti visto che la Bulgaria crea un solo tiro in porta in tutta la partita, dà sicurezza al reparto grazie ad uscite sicure e nessuna sbavatura.

BONUCCI, 6: quasi totalmente non impegnato dalle sue parti che può permettersi anche qualche indecisione innocua. Impreciso in fase d’impostazione, pesca però Immobile con un bel assist di prima non finalizzato dall’attaccante.

ACERBI, 6.5; qualche chiusura che evita potenziali pericoli ma anche lui vive una serata tranquilla. Più lavoro nel primo tempo ma tra anticipi e la pochezza dell’offensiva bulgara c’è da stare tranquilli.

SPINAZZOLA, 7: il migliore della serata. Si associa bene nella catena di sinistra azzurra trovando buoni partner in Verratti e Insigne, ma soprattutto spinge con continuità nel primo tempo provando a creare ansie alla difesa avversaria. Meno esplosivo nella ripresa, ma lodevole lo strappo verso il finale di match.

FLORENZI, 5.5: preso dentro nella deludente parte destra dell’Italia, non dà seguito alla buona prestazione contro l’Irlanda del Nord. Non trova in Barella grande appoggio e in Chiesa un supporto adeguato nello spingere. Molto fermo sulla posizione, si limita a contenere.

VERRATTI, 6.5: schierato mezzala sinistra offre una buona prova. Aiuta Sensi nell’impostazione, è presente in fase di copertura e soprattutto crea geometrie col “gemello diverso” Insigne, dando tecnica nel lato un cui operano. Cala un po’ nella ripresa ma fa partire l’azione dello 0-2.

SENSI, 6: titolare un po’ a sorpresa nella regia azzurra ma non sfigura. Nulla di eclatante, non accelera ma sbaglia pochissimo e seppur nelle cose semplici fa le scelte giuste ed è elegante. Se recuperabile una bella risorsa per il centrocampo azzurro. Esce al 68°.

BARELLA, 5.5: prova opaca del centrocampista dell’Inter. La partita non è da battaglia, è come sempre ordinato e lodevole in copertura e come disciplina tattica, ma è confuso in fase di possesso e sbaglia troppo. Pochi strappi e poco supporto offensivo, si limita ad essere nella mediana.

INSIGNE, 6.5: si conferma leader tecnico della Nazionale. Nel brutto primo tempo l’interesse lo crea lui grazie al suo movimento a svariare. Cerca di dare imprevedibilità anche se sbatte contro la difesa bulgara. Secondo tempo cala, ma è bravo a dare l’assist a Locatelli.

BELOTTI, 6: Ok si guadagna il rigore e lo trasforma e mette in discesa la partita, ma la riflessione che alla Nazionale non abbia un 9 di altissimo livello rimane. Pasticcione e imballato, fatica a contribuire alla manovra. Nella ripresa anche un palo e un gol sprecato.

CHIESA. 5: il peggiore degli azzurri. Resta in campo 76 minuti e a parte una progressione nel secondo tempo è totalmente inutile in fase offensiva. Come ala destra non riesce nei dribbling, non si accentra mai e non cerca il cross. Sempre casinista in possesso, non si associa ai compagni. Male.

LOCATELLI, 6.5: Entra al 68° e riesce a incidere. Non fa nulla di più di Sensi in impostazione, ma l’inserimento in area e il bel destro a giro che chiude il match è importante. Peccato per il giallo.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco