Bologna: Mihajlovic vince anche il Premio Coraggio 2019

Sinisa Mihajlovic ha vinto la prima edizione del Premio Coraggio 2019 per come ha combattuto contro la malattia che lo sta tenendo lontano dai campi.

Non esistono solo riconoscimenti e premi che vengono assegnati ai giocatori o agli allenatori per quanto fatto in campo. Nella giornata di ieri si è tenuta la prima edizione del Premio Coraggio 2019, riconoscimento istituito dalla Fondazione Quarto Potere e il quotidiano torinese CronacaQui.

La prima edizione del Premio Coraggio 2019 è andata a Sinisa Mihajlovic, con il tecnico del Bologna premiato per “l’intrepida forza con cui ha affrontato la malattia”. L’allenatore serbo ha tenuto pochi giorni fa una bellissima conferenza stampa riguardo il triste periodo di lotta contro la leucemia acuta. Un periodo lungo dove Mihajlovic non si è mai arreso e con il trapianto di midollo osseo è riuscito a superare la fase più difficile.

Il tecnico serbo è stato un vero esempio per tutti, soprattutto per chi come lui ha vissuto gli stessi momenti difficili e chi lì sta vivendo ancora. Nella conferenza stampa, nonostante la forte emozione, Mihajlovic ha invitato tutte le persone alle prese con questa “malattia bastarda” a non arrendersi mai. Il Premio Coraggio non poteva che andare ad un vero uomo come lui.

Il premio è stato assegnato all’allenatore del Bologna su consiglio degli ex giocatori Renato Zaccarelli, Claudio Sala e Marco Ferrante e in collaborazione con lo psichiatra Alessandro Meluzzi e il vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Ezio Ercole.

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Triplo Bonus di Benvenuto fino a 115€

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei