Bologna-Juventus 0-2, voti/analisi: risveglio bianconero grazie al Dybaldo

Juventus in versione araba fenice.

I bianconeri di Sarri risorgono dalle loro ceneri, espugnando il campo del Bologna di Sinisa Mihajlovic nella loro prima gara di campionato nel post lockdown.

Juve che ritrova quindi gol e vittoria in questa fase di stagione – pari senza gol nelle prime due gare, in Coppa Italia, Finale poi persa ai rigori – ma non ancora la forma migliore.

Diversi, ancora, i dettagli da limare per i bianconeri.

Uno su tutti, la loro eccessiva leggerezza, i tanti errori in fase di disimpegno.

In particolare Szczesny, tornato in porta dopo l’impiego di Buffon in Coppa Italia, che nei retropassaggi dalla difesa ha sofferto non poco la pressione di Barrow.

E il rischio di combinarla grossa c’è stato in più occasioni, specie in tandem con un De Ligt a sua volta poco attento in fase di ripiegamento.

Per il resto buona anche la prestazione difensiva, con l’olandesino che, in coppia con capitan Bonucci, ha buon gioco nel fermare i contrattacchi avversari.

Il copione era già scritto, Juve che sostanzialmente ha fatto la partita ma i felsinei che non si sono mai arresi, continuando a macinare gioco anche a risultato ormai acquisito.

E’ emblematico che a sbloccare il match e a segnare il primo gol della Juve post-pandemia sia stato uno dei più discussi delle prime due gare, Cristiano Ronaldo.

E ancor più emblematico che lo abbia fatto su calcio di rigore, riscattando l’errore contro il Milan.

Completa il tutto una magia di Dybala, 7° gol personale contro il Bologna, uno dei bersagli preferiti della Joya.

Non male la prestazione di entrambi, buoni spunti e accelerazioni per CR7 che però continua nelle sue pecche di eccessiva leziosità.

Ben più concreto invece l’argentino, le cui giocate hanno sempre una loro efficacia, mai fini a loro stesse.

Buona prova anche di un altro giocatore spesso molto discusso e non per ragioni positive, il francese Adrien Rabiot, schierato da Sarri dal primo minuto.

Segnali positivi anche da Bernardeschi, schierato a destra nel tridente offensivo, prezioso in fase di appoggio e impostazione.

Suo il colpo di tacco a smarcare Dybala nell’azione del bellissimo gol dell’argentino.

Buona prova anche dei subentrati Douglas Costa e Aaron Ramsey, il primo in particolare, sembra cavarsela meglio partendo dalla panchina.

Su sponda felsinea ottime prove degli esterni destri.

Il terzino giapponese Tomiyasu, un leone sulla sua fascia di competenza, una spina nel fianco di Cristiano Ronaldo !

Lo svedese Svanberg, classe 1999, roccioso esterno di centrocampo, prova di sostanza.

Per concludere l’ex di turno, Riccardo Orsolini, cresciuto nel vivaio bianconero, sempre una freccia nel cuore della difesa Juve.

Voti.

Tomiyasu, voto 7

Il migliore in campo dei suoi. E’ vero che Cristiano Ronaldo non è più quello di una volta, ma è pur sempre Cristiano Ronaldo, e il giapponese in più occasioni lo ha fatto dannare.

Svanberg, voto 6.5

Prova di sostanza del roccioso esterno svedese, che in fase di rottura del gioco avversario è sempre efficace.

Orsolini, voto 6.5

In tribuna era presente Roberto Mancini, e c’è da credersi che uno dei suoi osservati speciali fosse anche il 7 felsineo.

Le sue incursioni sempre insidiose, e la sua buona tecnica completa il tutto.

Barrow, voto 6.5

Quando pressa la Juve in fase di ripiegamento, i bianconeri soffrono sempre.

Cristiano Ronaldo, voto 6.5

Segna il primo gol juventino nella post-pandemia, e lo fa per giunta su rigore, riscattando l’errore contro il Milan.

Il portoghese è in ripresa, dopo le aspre critiche subite, però deve ancora migliorare in fase di concretezza, spesso troppo lezioso.

Dybala, voto 7

Un gol strepitoso, tanti spunti interessanti, tante giocate di qualità e concretamente utili, che Joya !

Bernardeschi, voto 6.5

Altro giocatore che in questo match ha trovato riscatto.

Prezioso nel tridente offensivo dal primo minuto, in fase di costruzione, impostazione, appoggio.

Suo il bel colpo di tacco che smarca Dybala per il gol decisivo.

Rabiot, voto 6

Positiva la prestazione del francese, su cui Sarri dimostra ancora una volta di contare molto, schierandolo dal primo minuto.

Duo difensivo Bonucci-De Ligt, voto 6

I centrali difensivi bianconeri son sempre una sicurezza. Solo l’olandese, a volte, deve stare attento a non commettere leggerezze in fase di disimpegno.

Szczesny, voto 5

Ha la fortuna di avere davanti a sé una difesa di prim’ordine, e sostanzialmente rimane inoperoso per tutto il match.

Però quando Barrow lo pressa va sempre in crisi.

De Sciglio, voto 4

Sarri gli da ancora una volta fiducia dal primo minuto, ma lui non ripaga, sbagliando praticamente ogni tentativo di appoggio.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato