Barcellona, clamoroso: stop alla trattativa per il rinnovo del contratto di Messi?

Sorgono nuove complicazioni nella trattativa tra il Barcellona e Lionel Messi per il rinnovo contrattuale di quest’ultimo. La “pulce”, che proprio pochi giorni fa ha tagliato il traguardo dei 700 gol in carriera, 630 con la maglia blaugrana, ha un accordo in scadenza nel 2021 e, secondo quanto riportato dall’emittente Cadena Ser, avrebbe interrotto qualsiasi trattativa per il rinnovo.

Ciò significa che, qualora la sua posizione non dovesse mutare, Messi sarebbe libero, a partire dalla prossima estate, di legarsi ad una nuova squadra a parametro zero. Più nello secifico, vi è una clausola all’interno del contratto del “diez” argentino che gli permette di svincolarsi gratuitamente dal Barcellona ogni anno, previo comunicazione al club entro il 10 giugno. Una clausola che i media spagnoli pensavano sarebbe stata sfruttata già quest’anno ma che poi, anche a causa dell’emergenza Covid che ha tenuto il mondo del calcio paralizzato, non è stata presa in considerazione. La scadenza è passata, e Messi dovrà dunque terminare la stagione con la maglia del Barça. Ciò non toglie che il prossimo anno, quando contratto con i blaugrana arriverà a naturale scadenza, l’argentino non possa scegliere un’altra strada per la propria carriera professionale.

Foto di Messi in allenamento, presente nell’archivio della pagina “Facebook” ufficiale a lui dedicata

I motivi dell’attrito

I motivi della tensione tra Messi e la dirigenza blaugrana, guidata da Josep Bartomeu, risalgono allo scorso febbraio, quando la stessa Cadena Ser mise in circolo la notizia che il Presidente dei catalani avesse elargito un milione di euro alla società privata I3 Ventures per screditare, attraverso attacchi via social perpretati da profili fals gestiti dalla stessa società, alcuni “senatori” della squadra, tra cui Piquè, Xavi e lo stesso Messi. Una notizia che ha rischiato di produrre effetti tellurici sul mondo Barcellona, ed è stata faticosamente fatta rientrare da Bartomeu, il quale si è seduto ad un tavolo comune con tutta la squadra fornendo la propria versione dei fatti.

Quell’episodio di febbraio ha comunque lasciato strascichi nei rapporti tra Messi e il Barcellona. Strascichi che sono diventati ancora più pesanti a causa del rendimento deludente della squadra durante questa stagione: fuori dalla Coppa del Re per mano dell’Athletic bilbao, eliminata in semifinale di Supercoppa dall’Atletico, la squadra di Valverde ha perso recentemente la vetta della classifica in Campionato a beneficio del Real Madrid. Quattro punti sono un margine difficile da recuperare in cinque giornate, e per i blaugrana si profila ora lo spettro di una stagione a secco di titoli. Resta solo la Champions League a fare da “ancora di salvataggio”. Soltanto una vittoria in Europa, che manca ormai da cinque anni, potrebbe forse persuadere Messi a rivedere la propria posizione. Nonostante le smentite del “Mundo deportivo”, giornale di fede catalana che ha provato a ridimensionare la faccenda, i rapporti tra la “pulce” e il conjunto blaugrana sono ormai ai minimi storici. La prossima stagione, che segnerà anche la fine del mandato di Bartomeu alla guida del club, potrebbe dunque sancire la fine di un’era in casa Barcellona. Un’era lunga ben 21 anni, arricchita da 630 gol, 34 trofei e ben sei Palloni d’oro. Ma si sa: anche le storie più belle conoscono prima o poi un fine.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€