Barcellona: 4 turni di squalifica a Sergi Roberto in Liga

4 giornate di squalifica e stagione finita per Sergi Roberto. Questo quanto emesso quest’oggi dal giudice sportivo, il quale fa pagare caro al calciatore spagnolo la manata gratuita su Marcelo. Il Barcellona procederà per il ricorso.

Di certo non la migliore idea di questo mondo, nel momento peggiore possibile della gara, e soprattuto nel Clasico: questo il riassunto di un rosso, che Sergi Roberto non dimenticherà, con ogni probabilità, mai più per tutta la sua vita. Per il 26enne spagnolo però, le cattive notizie non finiscono qui. Quest’oggi, infatti, il giudice sportivo gli ha inflitto una squalifica di 4 giornate. Ciò significa che a sole 3 giornate dalla fine, il calciatore oltre a dover saltare le partite restanti (Villarreal, Levante e Real Sociedad) di una Liga ormai decisa, rischia di saltare anche l’andata di Supercoppa di Spagna, nella quale i blaugrana affronteranno il Siviglia. 

La sicurezza di una sua assenza, in quest’ultimo match, non c’è ancora però. Il Barcellona, infatti,  ritenendo eccessiva la decisione del Giudice Sportivo, sembrerebbe pronto a presentare il ricorso per accorciare la squalifica al calciatore. La squadra di Valverde, per riavere il proprio terzino alla prima gara della prossima stagione è pronto ad affermare che l’impatto tra Sergi Roberto e Marcelo sia stato fortuito. Il tentativo di voler colpire la palla sembrerebbe esserci da parte di entrambi. Un’ipotetica conferma di ciò andrebbe ad escludere, quindi, una volontarietà nel gesto da parte dell’esterno blaugrana con la conseguente riduzione della squalifica.

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi