B.Monchengladbach – Inter 2-3, voti e pagelle: Lukaku trascinatore, Lautaro impreciso. Plea mette paura ai nerazzurri

L’Inter vince 3-2 contro il Borussia Monchengladbach e conquista la prima fondamentale vittoria in Champions League. I nerazzurri espugnano il Borussia Park al termine di una partita emozionante e tesa e rimangono in vita per il discorso qualificazione, salendo a 5 punti a 90 minuti dal termine. Doppietta di Lukaku e gol di Darmian, per i tedeschi doppietta di Plea.

Non c’erano vie d’uscita per l’Inter che dopo 4 giornate del girone di Champions League si ritrovava a soli 2 punti. Un KO o un pari avrebbero significato eliminazione certa. Invece i nerazzurri escono dalla difficile trasferta tedesca contro il Borussia Monchengladbach con una sofferta vittoria per 3-2 che riaccende le speranze qualificazione degli uomini di Conte.

Soprattutto per l’inatteso risultato proveniente dall’Ucraina, dove nell’altra partita del girone il Real Madrid ha perso 2-0 contro lo Shakhtar Donetsk. Ora altri 90 minuti, dove l’Inter deve battere gli ucraini a San Siro e sperare che non esca un pareggio nell’ultima sfida tra i tedeschi e gli spagnoli.

Dopo la vittoria in campionato contro il Sassuolo, Conte conferma 9/11 della squadra cambiando solamente Perisic per Young sulla fascia sinistra e il ritorno di Lukaku al posto di Sanchez. Marco Rose si affida al classico 4-2-3-1 con Lazaro, Stindl e Thuram a supporto della punta Plea.

Il match è teso, all’Inter serve solo la vittoria mentre i tedeschi con i 3 punti sono certi della qualificazione. L’Inter prova a fare la partita, mentre il Gladbach prova a colpire con la sua arma migliore, la ripartenza veloce a sfruttare gli scompensi a centrocampo dei nerazzurri.

L’Inter non è pulitissima tecnicamente e probabilmente non è nemmeno troppo tranquilla a livello di testa, tanto è che il match sarà più condotto sul filo dei nervi che da una buona prestazione di gioco, dove l’11 di Conte ha ormai abbandonato un’idea più propositiva per tornare su vecchi passi, più schematici e meccanizzati ma meno creativi.

Al 17° minuto l’Inter passa in vantaggio: recupero palla sulla trequarti tedesca, Lukaku sponda per Gagliardini che apre bene sulla destra l’accorrente Darmian che penetra in area e batte un non perfetto Sommer per lo 0-1.

é un momento del match favorevole ai nerazzurri, che però non ne approfittano con Lautaro che si divora il raddoppio a tu per tu col portiere. Come detto gli uomini di Conte non sono tranquilli, alcune giocate sono frettolose e impaurite e i padroni di casa iniziano ad alzare i ritmi.

Prima è bravo Handanovic a sventare un mancino pericoloso di Thuram in area, poi però allo scadere del primo tempo, un’incursione di Lazaro sulla destra pesca il solissimo Plea che di test insacca l’1-1 di testa. La ripresa è per cuori forti, l‘Inter più che per il gioco espresso la costruisce sulla tensione (saranno 7 gli ammoniti dell’Inter) con tutti i pro e i contro.

All’ora di gioco, Lautaro colpisce il palo ma al 63° è ancora Lukaku a trascinare i suoi segnando l’1-2: recupero di Gagliardini in transizione, filtrante di Brozovic per il belga che resiste fisicamente a Zakaria e insacca col destro.

I nerazzurri puniscono ancora in contropiede i tedeschi e al 73° vanno sull’1-3: lancio di Sanchez per Hakimi che vola sulla destra, assist perfetto per Lukaku che davanti a Sommer non sbaglia. Pare finita, ma al 75° un errore del cileno in disipmegno consegna la palla del 2-3 ai tedeschi con Plea che fredda Handanovic col destro.

L’ultimo quarto d’ora è tesissimo per i tifosi interisti (che sprecano il 2-4) e di speranza per i tedeschi, che trovano addirittura il clamoroso 3-3 sempre con Plea al 83°, ma la rete è annulalta per offside attivo di Embolo, che disturba la visuale ad Handanovic. Finisce 2-3, l’Inter torna alla vittoria in Champions League e può ancora sperare negli ottavi.

VOTI E PAGELLE BORUSSIA MONCHENGLADBACH – INTER

TOP INTER

LUKAKU, 9: ennesima, straordinaria partita da leader dell’attaccante belga dell’Inter. Vera e propria anima della squadra, trascina nello spirito e nei fatti l’Inter nella decisiva sfida contro i tedeschi. Entra in tutti e tre i gol: sponda per il vantaggio di Darmian, si costruisce da solo l’1-2 e si fa trovare pronto per l’1-3 da bomber vero. In mezzo tanto sacrificio e lavoro. Totalmente imprescindibile.

FLOP INTER

LAUTARO MARTINEZ, 5: prende un giallo per simulazione da ingenuo e spreca il raddoppio nel primo tempo che avrebbe forse portato a un match più tranquillo. é sfortunato sul palo nella ripresa dopo un’ottima giocata, ma paragonato alla prestazione del collega di reparto è in ombra. Esce al 71° per Sanchez (6: propizia il terzo gol ma un suo errore causa il secondo dei tedeschi).

GAGLIARDINI, 5: non ci si lasci ingannare dall’assist (per giunta facile) per lo 0-1 o dal recupero palla che porta al primo gol di Lukaku, vedere un giocatore così limitato tecnicamente essere titolare in Champions fa male. E non dà quel contributo nemmeno in copertura, essendo troppo lento e spesso in ritardo. L’1-1 tedesco arriva dalla sua parte, dove non aiuta Young nel coprire Lazaro.

TOP BORUSSIA MONCHENGLADBACH

PLEA, 7.5: unica vera minaccia della serata per i nerazzurri. L’attaccante francese segna una doppietta da cecchino che spaventa l’Inter, prima svetta di testa in anticipo sulla difesa interista non attenta sul pari, poi riapre il match sul 2-3 cogliendo un filtrante di Thuram e battendo Handanovic con un bel destro. Farebbe anche tripletta, ma il gol è annullato per offside attivo di un compagno di squadra. Giocatore temibile che la retroguardia neroazzurra non ha saputo troppo contenere.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco