Australian Open, Berrettini approda ai quarti di finale

Australian Open, Berrettini batte Carreno Busta: sarà ai quarti di finale contro Monfils.

La prima parte del lavoro è fatta: in attesa di scoprire quale sarà il destino di Jannik Sinner, impegnato stanotte contro De Minaur, Matteo Berrettini fa il suo. Batte Pablo Carreno Busta in tre set (7-5; 7-6; 6-4) e approda ai quarti di finale degli Australian Open.

Fa valere ancora una volta la legge del più forte Matteo, che da numero sette del ranking mondiale (e del seeding), regge i ritmi dello spagnolo colpo su colpo, per poi sferrare la zampata giusta quando serve.

Lo fa sul cinque pari nel primo set, quando una serie di risposte aggressive e un errore di Carreno col dritto gli consentono di strappare il break decisivo del 6-5.

Il romano tiene la battuta ai vantaggi con due aces, e il primo set è cosa fatta. Nel secondo parziale la musica non cambia: Berrettini sfiora il break già al terzo game, ma Carreno risponde colpo su colpo.

L’azzurro tiene alto il livello del servizio, grazie al quale confeziona diversi aces. Carreno riesce a mantenere però la battuta a zero, e sul 6-5 ci vuole il miglior Matteo per portare il set al tie. Al game decisivo è ancora il servizio a fare la differenza: Berrettini chiude con altri due aces all’attivo e si porta sul 2-0.

Il terzo set vede i due contendenti mantenere i rispettivi turni al servizio fino al 5-4 per l’italiano. Nel gioco decisivo, Matteo recupera da 40-0 Carreno e chiude il match con il dritto.

Una vittoria che permette a Matteo di salire al sesto posto del ranking mondiale. Arrivare in finale significherebbe entrare in top five.

Zverev eliminato. Nadal ai quarti

Negli altri match dei quarti di finale, il canadese Shapovalov cala il jolly eliminando Zverev, oro olimpico (6-3; 7-6; 6-3). Ancora in corso sua maestà Rafa Nadal, che batte Mannarino con i punteggi di 7-6 e doppio 6-2. La prima tornata dei quarti si chiude con la vittoria di Monfils, prossimo avversario di Berrettini, ai danni di Kecmanovic (7-5; 7-6; 6-3).

Fuori le big al femminile

Nel torneo femminile si è assistito all’uscita di scena di alcune big. Fuori Maria Sakkari, battuta 7-6, 6-3 da Jessica Pegula, che lo scorso anno si era fermata al secondo turno. Fuori anche Azarenka, sconfitta con un doppio 6-2 dalla detentrice del Roland Garros, e numero tre al mondo, Barbora Krejcikova. Ruggisce Madison Keys, semifinalista nel 2015, che batte Badosa con i punteggi di 6-3, 6-1. Resiste la numero uno al mondo Ashleig Barty, che sconfigge 6-4, 6-3 la statunitense Ansimova.