Arsenal, simulatore Welbeck con il Milan: stampa inglese lo etichetta come imbroglione e tuffatore, ma Wenger lo difende

Non si placano le polemiche per quanto fatto da Danny Welbeck, l’attaccante dell’Arsenal autore della palese quanto spudorata simulazione dalla quale è scaturito il calcio di rigore che lui stesso ha realizzato e che ha dato il via alla rimonta nel return match degli ottavi di Europa League contro il Milan di Rino Gattuso.

Polemiche che non si limitano al territorio italiano, dove si dibatte tanto e ci si appella al fatto che la Var dovrebbe essere applicata anche nelle competizione europee.

Fonte profilo “Twitter” ufficiale della UEFA Europa League

Il bailamme coinvolge soprattutto proprio l’Inghilterra, nazione i cui esponenti del mondo del calcio son decisamente noti per la loro obiettiva sportività. E non poteva essere altrimenti: Welbeck è diventato il bersaglio mediatico tanto della stampa britannica quanto di alcuni autorevoli opinionisti ed ex calciatori d’Oltremanica.

Vedasi soprattutto autorevoli tabloid quali il “Sun Sport”, il “Guardian” il “Daily Telegraph”, entrambi riportanti il verbo ‘dive’-‘tuffarsi’ in inglese, ndr-da questo ultimo in particolare le critiche più feroci, a cominciare dalla impietosa copertina che riporta curiosamente la stessa foto riportata dalla prima pagina del nostro “La gazzetta dello sport”, con Welbeck immortalato al momento della caduta con lo sguardo rivolto di sbieco, probabilmente ad indirizzo di un guardalinee, quasi a sollecitare un intervento decisionale.

Come se non bastasse, ci si mettono anche alcuni grandi ex del calcio inglese, come Alan Shearer, Gary Lineker-uno degli inglesi più corretti di sempre, mai espulso in carriera-e lo stesso Brian McClair, allenatore giovanile di Welbeck, tutti con un giudizio in comune, la delusione.

A smorzare la tensione ci ha pensato lo stesso tecnico Arsene Wenger, “Non ho ancora visto bene l’episodio, dirò la mia quando lo avrò fatto”, dichiarazioni che sembrano bonariamente ipocrite per difendere il proprio giocatore, difficile che non avesse già visionato le immagini.

Con l’Arsenal ancora in corsa e che potrebbe quindi ancora vincere la Coppa, Welbeck potrebbe portarsi questo marchio ancora per un bel pò di tempo-a prescindere dal fatto che ha messo a segno anche il 3-1 definitivo-, e se effettivamente i Gunners dovessero trionfare, questo episodio peserebbe abbastanza.

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato