Volley, risultati Serie A1 femminile: Novara batte Casalmaggiore 3-1

Fatica più del previsto, ma alla fine riesce a spuntarla l’Igor Gorgonzola Novara di Stefano Lavarini, che in questo anticipo della Serie A1 di volley femminile batte Casalmaggiore 3-1 al PalarRadi di Cremona. Alla fine, la maggiore esperienza e classe delle piemontesi ha prevalso sulla grinta delle casalasche, che sono mancate nei momenti decisivi, nonostante avessero quasi agguantato il 2-2 per raggiungere il tie-break. Novara si gode una Malwina Smarzek in forma smagliante, MVP con 24 punti, e conquista altri tre punti che la tengono in scia di Conegliano, ora distante cinque lunghezze.

Serie A1 volley femminile: il racconto di Casalmaggiore-Novara

Casalmaggiore inizia meglio il primo set, sfruttando una certa difficoltà di Bosetti in ricezione e un attacco di Novara che fa fatica a graffiare.

Le casalasche si guadagnano un primo break di due punti con una diagonale di Kosareva (5-3), vantaggio poi aumentato sul +3 con un muro di Bajema ai danni di Bosetti (8-5).

Smarzek attacca in “pipe” e prova a tenere in scia le sue (9-6), ma dopo un errore di Hancock in battuta, Melandri approfitta di una ricezione slash di Bosetti per siglare l’11-7.

Vantaggio che costringe Lavarini a chiamare tempo, ma che non impedisce a Kosareva di colpire in diagonale stretta (12-7).

Le cremasche hanno dunque il set in pugno e dovrebbero spingere sull’acceleratore, ma invece rimettono in partita Novara concedendo a Bosetti tre ace consecutivi, due dei quali su “dormite” di Bajema.

Con il punteggio sul 12-11 Parisi chiama tempo, ma al rientro in campo Novara effettua il sorpasso colpendo con Smarzek a muro e Bonifacio dai 9 metri (13-14).

Ancora Smarzek gioca sulle mani del muro il punto del 13-15, prima che Stufi annulli le distanze con due attacchi in “fast”.

Da quel momento il set procede sul filo del punto a punto fino al 19 pari. A quel punto Casalmaggiore si scioglie e le attaccanti di Novara indirizzano il set: Herbots attacca in pipe il punto del 19-20, poi Smarzek e Bosetti portano il punteggio sul 19-23 con un mani out, un muro su Bajema e un attacco in diagonale.

Hancock torna a farsi sentire in battuta per il punto del 19-24, mentre Bosetti chiude il set con una grande parallela (19-25).

Il secondo set si attende combattuto come il primo, invece Casalmaggiore non scende praticamente in campo, e si fa subito colpire da un turno al servizio di Hancock che piazza due ace e costringe la ricezione a sbagliare, propiziando un facile primo tempo di Bonifacio.

Al rientro dal timeout le ragazze di Parisi provano a riavvicinarsi con un muro di Melandri su Smarzek e un errore di Bosetti al servizio (3-4).

Situazione di sostanziale equilibrio che si mantiene fino all’8 pari quando Bosetti attacca out una parallela. Poi è solo Novara: la squadra piemontese trova un break di quattro punti sul 9-13 culminato con una bella diagonale di Smarzek.

Dall’altra parte Ananda non riesce a servire bene le sue attaccanti, servendo palloni spesso troppo attaccati a rete, L’attacco di Casalmaggiore ne risente, e Bonifacio riesce a murare proprio l’opposto verdeoro per il punto del 10-17.

Un pallonetto di Bonifacio e una diagonale di Smarzek propiziano l’11-19, che Novara riesce ad incrementare fino al 12-22 con un ace della stessa polacca.

Neanche l’ingresso di Bonciani in regia cambia le cose per Casalmaggiore: la palleggiatrice offre a Vanzurova una palla troppo scontata che la ceca attacca in rete per il 12-23. Chiude il set la capitana Cristina Chirichella, prima con una “fast” che coglie impreparata Vanzurova, poi con un muro su Kosareva (12-25).

Nel terzo set Casalmaggiore, forse scossa da Parisi, parte forte e conquista subito un break sul 5-2. Poi Novara prova a rifarsi sotto, sfruttando gli errori di Montibeller e Kosareva in diagonale, nonché dello stesso opposto verdeoro in battuta (6-5).

Novara mette la freccia con Smarzek che attacca in diagonale (6-7), ma la squadra di Lavarini fatica, come altre volte, ad ammazzare la partita.

Casalmaggiore si riporta avanti e sfreccia addirittura sul 12-8, grazie a due muri consecutivi di Melandri su Bosetti prima e Chirichella poi.

Novara non molla e riesce ad agguantare nuovamente il pareggio con una “freeball” di Smarzek che non viene difesa da Bajema, oggi molto disattenta in questo fondamentale.

Il set procede dunque sul filo del punto a punto, con Casalmaggiore che beneficia del rendimento in crescendo di Montibeller. L’opposto brasiliano gioca bene sulle mani del muro e mette giù qualche buon attacco in parallela.

Sul 18 pari si presenta Kosareva in battuta e l’inerzia del set cambia radicalmente: la schiacciatrice mette a segno tre ace, contando anche sull’aiuto del nastro, costringendo anche Herbots a un errore in attacco e le casalasche volano sul 22-18.

La stessa Herbots prova a ricucire con l’ace del 22-21, a dimostrazione di come Novara non molli mai un millimetro.

È però Casalmaggiore ad avere la meglio (25-22), con tre punti decisivi di Montibeller, che gioca due parallele e poi sfrutta le mani del muro.

L’ultimo set vede un avvio piuttosto equilibrato, con Casalmaggiore che riesce comunque a portarsi sul 12-7 grazie a due punti consecutivi in parallela di Kosareva.

Un errore di Bosetti al servizio e un pallonetto di Montibeller, fanno volare le casalasche sul 14-9, rendendo concreta l’ipotesi del tie-break.

Novara pare non riuscire a riavvicinarsi nonostante l’ace di Hancock (15-11). Poi ci pensano Bosetti ed Herbots, con la loro classe, a sfruttare le mani del muro quel tanto che basta per riportare le piemontesi in scia (16-14).

Montibeller continua ad essere ancora una spina nel fianco e attacca anche in “pipe”, permettendo alle compagne di mantenere un certo margine di vantaggio (18-15).

Deve pensarci Smarzek a muro a riportare il fiato sul collo delle avversarie (18-17). Una “doppia” di Bosetti in palleggio pare tagliare le gambe a Novara (20-17), che comunque si mantiene viva grazie all’ace di Herbots (22-21).

Melandri attacca una splendida “sette” e Casalmaggiore si conquista il set point (24-22). Ci vuole allora tutta l’esperienza di Bosetti per portare il set ai vantaggi: fredda in parallela per il 24-23, la lettura su Bajema le permette di murarla e portare il set ai vantaggi (24-24).

La stessa Bosetti confeziona un primo match point insaccando la palla tra muro e rete (24-25). Match point che le casalasche riescono ad annullare una volta, ma che non serve ad evitare la sconfitta dacché Smarzek piazza due muri consecutivi su Montibeller e Kosareva, regalando tre punti d’oro alla compagine di Lavarini, che consolida così il secondo posto in classifica.

Casalmaggiore rimane inchiodata a quota 14, in una tranquilla posizione di centroclassifica. La squadra di Parisi ha mostrato grandi passi in avanti dal punto di vista del gioco, nonostante qualche palla giocata in regia sia apparsa troppo scontata e la squadra sia mancata nei momenti decisivi dei set.

Parisi può comunque essere soddisfatto e guardare ai prossimi impegni contro Scandicci e Chieri con cauto ottimismo.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus