Volley, Europei maschili: l’Italia è in finale

Dopo la vittoria della Slovenia, anche l’Italia può continuare a sognare. Gli azzurri cominciano la partita contratti, poi prendono la giusta confidenza, riuscendo ad imporre il proprio gioco contro i campioni europei in carica della Serbia, concedendo loro solo un set.

Il migliore tra gli azzurri è ancora una volta Michieletto con 23 punti a tabellino (di cui 1 ace e 4 muri). Ma in questa semifinale a prevalere è stata la forza di un gruppo unito e molto giovane, plasmato da De Giorgi nel giro di una sola estate.

Con il punteggio di 3-1 (27-29, 22-25, 25-23, 18-25), gli azzurri raggiungono inaspettatamente una finale che mancava dall’argento vinto nel 2013.

L’ultimo ostacolo sono i ragazzi di Giuliani, già sconfitti nettamente durante il girone, che però hanno dimostrato di poter tenere testa ai campioni del mondo. Comunque andrà, questa Italia può ritenersi soddisfatta del percorso compiuto fino a questo momento consapevole che questo è solo l’inizio.

Foto pubblicata sul sito Federvolley.it

Il racconto del match

I sestetti. Kovac schiera i suoi uomini di fiducia: l’alzatore Jovovic, l’opposto Luburic, le bande Ivovic e Kovacevic, i centrali Podrascanin e Lisinac e il libero Majstorovic.
Il 6+1 in maglia azzurra scelto da De Giorgi rimane invariato: Giannelli-Pinali, Michieletto-Lavia, Galassi-Anzani e Balaso.

Primo set. Con due errori consecutivi degli azzurri al servizio, la Serbia guadagna due lunghezze di vantaggio (6-4) che poi diventano quattro con l’alzata sbagliata da Giannelli. Luburic viene fermato dal muro azzurro e sbaglia l’attacco successivo, permettendo ai nostri di pareggiare i conti (8-8). Ivovic fa la voce grossa dai nove metri per il 12 a 11.

Inizia a funzionare anche l’attacco di Pinali per il +2 azzurro (17-19). Kovac cerca di risolvere il problema mandando in campo Atanasijević, il quale segna il punto del 19 pari da posto 2. L’Italia è costretta a inseguire ma il mani out di Pinali vale il 24 pari. Dopo tre set point annullati, la diagonale fuori di Ivovic regala ai nostri il primo parziale.  

Secondo set. Michieletto comincia con un buon turno al servizio e un ace. Kovacevic che ha abbassato il suo rendimento in campo trova il servizio vincente del +2 (7-5). Arrivano due monster blocks consecutivi di Anzani (9-11), Kovac prima inserisce Petric e poi richiama i suoi in panchina. Il capitano serbo mette subito a segno l’ace del 12 pari.

Lavia gioca con il muro avversario e rimanda i suoi avanti (15-17) ma continua il buon momento al servizio dei serbi, con Lisinac si torna 17 pari. Il finale viene giocato punto a punto fino al +2 azzurro ottenuto con il primo tempo di Galassi (21-23), il quale si ripete per il 24. Con l’ace di Pinali si chiude anche il secondo set in favore dei nostri.

Terzo set. La Serbia cerca subito di scappare aiutata da nostri errori ma l’ace del n.19 azzurro riporta la situazione sul 6 pari. Continua il botta e risposta dai nove metri con Kovacevic per il nuovo +2 serbo (8-6) e con Giannelli per il 9 a 10 azzurro. Gli avversari trovano e mantengono un vantaggio di due punti fino al monster block di Galassi sull’attacco di prima intenzione del neoentrato Krsmanovic (14-14). Il centrale serbo si rifà subito con il primo tempo del 17 a 15.

Ogni volta che la Serbia tenta di allungare, l’Italia reagisce e torna in parità. Atanasijević è inarrestabile e i suoi attacchi portano i suoi compagni sul 23 a 21. Con la pipe vincente di Kovacevic, gli avversari riaprono la partita.

Quarto set. Giannelli rientra in campo piazzando il secondo ace personale (0-2). Kovac spende il primo time out del set ma il capitano azzurro va segno nuovamente da fondo campo (0-5). Petric e Krsmanovic provano a guidare la rimonta ma i punti da recuperare per loro diventano sei. Nel campo tricolore va a segno in attacco anche Giannelli per il 6 a 12.

Continua la scalata dell’Italia con l’ace di Pinali (10-17). Il capitano azzurro continua a dare spettacolo, va a segno anche con un attacco di prima intenzione (12-18). Il muro di Lavia ferma l’opposto avversario e regala ai nostri 8 match-point. Con l’errore a servizio di Luburic i ragazzi di De Giorgi ottengono l’ottava vittoria su otto match disputati.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus