Verona Juventus 2-1: Le dichiarazioni post partita di Maurizio Sarri

Verona Juventus 2 a 1, al Bentegodi la squadra di Juric ferma la capolista Juventus che ora dovrà temere l’Inter e la Lazio. 

Al Bentegodi si è giocata una gara ricca di emozioni in cui il Verona è riuscito a dare grande prova di se battendo per 2 a 1 bianconeri ora costretti a difendere il loro primato dall’Inter e dalla Lazio. 

Un primo tempo dinamico e ricco di azioni tra Verona e Juventus, con i padroni di casa autori di una significativa prestazione che conferma il loro momento di straordinaria forma. Pericolosi in più occasioni, gli scaligeri sono riusciti a mettere in difficoltà i bianconeri che centrano due legni prima con la traversa di D. Costa e poi con il palo colpito da CR7. 

Più volte vicina al vantaggio, la squadra di Maurizio Sarri riesce a sbloccare la partita dopo un primo tempo assai sofferto e a punire gli avversari ci pensa Cristiano Ronaldo che solo 65′ si rende protagonista di una splendida azione personale e trascina avanti i suoi. 

Il Verona non sembra intimidirsi e continua a far sudare i suoi avversari e al 76′ trova il suo meritatissimo pareggio targato Borini. L’impresa gialloblù continua, il pareggio non sembra bastare al Verona in cerca del raddoppio. A decidere le sorti della partita è un fallo di braccio di Bonucci: il Var stabilisce che si tratta di rigore e Pazzini, dal dischetto non sbaglia e segna il gol del sorpasso: 2-1 e il Bentegodi va in delirio

Ottavo risultato utile consecutivo per l’Hellas Verona che si aggiudica il  sesto posto solitario in classifica. Un brutto passo falso che costa molto alla Juventus ora costretta a temere la possibile vittoria neroazzurra di domani sera che regalerebbe all’Inter l’aggancio in vetta. 

Al termine dell’incontro l’allenatore della Juventus, Maurizio Sarri, ha analizzato la perfomance della sua squadra e ai microfoni di SkySport ha dichiarato: ” Ha giocato meglio il Verona nella prima mezz’ora e dopo si è rivisto l’atteggiamento passivo già sottolineato con il Napoli. L’analisi della partita è semplice: sapevamo che ci avrebbero aggredito all’inizio con il loro pressing a tutto campo; sapevamo che serviva tempo per far calare la tensione, come è successo; e sapevamo che potevamo avere delle occasioni, come è successo. Purtroppo, però, abbiamo concesso un gol per leggerezza […]

Il tecnico ha poi precisato: “L’impressione è che quando andiamo in vantaggio, anziché sparare tutto, palleggiamo con leggerezza. Non possiamo lasciare spazi così. Questa squadra è abituata a vincere largo, ma non è più il momento di farlo. Non possiamo lasciare punti per strade e non possiamo asciarli così.”

Riguardo l’Inter ha poi aggiunto: ” La classifica mi preoccupa, considerando che l’Inter, battendo il Milan, potrebbe raggiungerci al primo posto? Noi ci dobbiamo preoccupare solo delle nostre reazioni mentali, dobbiamo tirare fuori il massimo. Dobbiamo capire che questo campionato e i prossimi si giocheranno punto a punto, non possiamo lasciarci dietro nulla.”