USA: esordio per il figlio di Weah

Son stati intensi giorni di amichevoli internazionali, caratterizzati da diverse supersfide e anche da diversi esordi, alcuni dei quali anche abbastanza celebri.

Dopo quello del 21enne Lewis Cook-che debuttando con la Nazionale maggiore inglese di Southgate ha fatto vincere 19mila € al nonno che aveva scommesso su di lui- e anche quello con la Nazionale Olandese Maggiore di Jasmin Kluivert-figlio di Patrick, ndr-un altro esordio ha fatto scalpore, per motivi decisamente più storico-statistici e se vogliamo anche più romantici: si tratta di Timothy Weah, figlio  d’arte, terzogenito del celebre ex attaccante liberiano George Weah.

Fonte profilo “Twitter” ufficiale dello stesso Timothy Weah

Timothy ha appena 18 anni, essendo nato il 22 Febbraio 2000, e a differenza del padre non è cittadino della Liberia-di cui George è addirittura Presidente, da quasi 2 mesi, ndr- bensì è di nazionalità statunitense, essendo nato e cresciuto a New York.

Infatti il giocatore, attaccante come era il padre e ad esso già paragonato per doti fisico-tecnico-tattiche, ha recentemente fatto il suo debutto con la Nazionale Maggiore deli USA, attualmente allenata da Dave Sarachan, nell’amichevole internazionale vinta dai suoi in casa contro il Paraguay-gol partita di Bobby Wood con un calcio di rigore allo scadere del primo tempo, ndr.

A impreziosire ancor più la storicità di questo debutto il fatto che Timothy Weah è in assoluto il primo ‘millennial’ a fare il suo debutto con la nazionale maggiore statunitense.  

Per il baby talento è il secondo debutto stagionale, dopo quello fatto in Ligue 1 con la prima squadra del Paris Saint-Germain – club a cui il padre legò il suo nome, 3 stagioni dal 1992 al 1995 con 121 presenze e 48 gol, 1 scudetto, 2 Coppe di Francia e una Coppa di Lega Francese, ndr- Timothy aveva già alle spalle 3 stagioni nelle giovanili del club parigino, con il quale ha perciò debuttato nel massimo campionato francese Sabato 3 Marzo, 28^ giornata-9^ di ritorno- nel match vinto dai  parigini 0-2 in casa del Troyes, per lui nessun gol ma sfiorato sotto porta il possibile 0-3.

Prosegue così la tradizione calcistica per la famiglia di George Weah-anche il primogenito George jr è calciatore, e lo era anche il cugino Christopher Wreh.

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato