Ufficiale, ecco la sentenza Uefa per violazione del FPF: Milan escluso dall’Europa League 2019-2020! Roma ai gironi, Torino ai preliminari

Il Tas ha ufficializzato la decisione di escludere il Milan dall’Europa League 2019-2020: sarà la Roma a partecipare alla fase a gironi direttamente e il Torino a disputare i preliminari 

La notizia era nell’aria da tempo e, soprattutto dopo la rinuncia da parte della Roma del ritiro di Pinzolo e la decisione del Torino di anticipare il ritiro pre campionato, si aspettava solo l’ufficialità, arrivata proprio ora: il Milan è stato escluso dall’Europa League 2019-2020. Il TAS di Losanna ha promosso i giallorossi direttamente alla fase a gironi e i granata disputeranno i preliminari. 

Ma andiamo con ordine. Già la scorsa estate la Uefa aveva escluso il Milan per aver violato i parametri del Fair Play Finanziario nell’ultimo triennio targato Silvio Berlusconi, quello che andava dal 2014-2015 al 2016-2017, ma l’entrata in campo di Elliott e il ricorso vinto al TAS di Losanna riscrisse la storia con una nuova sentenza, a causa della quale i rossoneri sono stati multati di 12 milioni di euro. 

Inoltre, con la seconda sentenza della Camera Giudicante della Uefa obbligava il Milan a rientrare nel break even entro il 2021. Sicuramente, questi termini erano stati giudicati impossibili da rispettare per i rossoneri, che hanno cominciato a trattare, tenendo conto che bisognava ancora aspettare la decisione della Uefa e del TAS riguardo l’anno cinese di Yonghong Li, il 2017-2018. 

La speranza del Milan era quella di avere un’unica condanna, che però permettesse di allungare i tempi del break even almeno di uno o due anni. L’arrivo di Zvonomir Boban sembrava la giusta via per una trattativa diplomatica, ma c’è sempre stata la possibilità reale di accettare una possibile esclusione dalle coppe per un anno, soprattutto dopo non essere riusciti a qualificarsi in Champions League

Difficilmente i rossoneri faranno ricorso questa volta, visto che significherebbe dover ritrattare ancora il tutto, mentre in questo modo il Milan ha sanato definitivamente le pendenze precedenti. Per questo, ora la Camera Giudicante dell’Uefa dovrà riunirsi nuovamente per decidere una pena meno probante ed è più che probabile che il break even verrà posticipato di almeno uno o due anni. 

Facciamo chiarezza punto per punto. 

Il TAS ha annunciato l’accordo tra Uefa e Milan: i rossoneri sono stati esclusi dall’Europa League 2019-2020 e verranno sostituiti dal Torino.

Che significa? 
Significa che la sentenza emessa a novembre, che prevedeva una multa da 12 milioni e il rientro nel break even nel 2021, è stata annullata.

Che succede? 
Succede che questa sanzione, cioè l’esclusione dalle coppe per un anno, annulla tutte le pendenze precedenti riguardo i periodi che vanno dal 2014 al 2017 e dal 2016 al 2018, equivalenti all’ultimo triennio Berlusconi e all’anno cinese di Li.

Che succederà: 
Succederà che ora la Camera Giudicante della Uefa porrà fine al procedimento contro il Milan, che quindi ricomincerà da capo il suo percorso verso una gestione sana e nel rispetto dei parametri del Fair Play Finanziario, senza una “Spada di Damocle” perennemente sulla testa.

Insomma, fa male, perché l’Europa è stata conquistata sul campo, ma dal punto di vista burocratico è meglio così, perché ora il Milan, consapevole e nel rispetto dei parametri del Fair Play Finanziario, potrà muoversi con maggiore, relativa, tranquillità e, dal prossimo anno, in caso di qualificazione alle coppe europee, sarebbe certo della partecipazione.

Come o se cambia il mercato del Milan? 
No, perché il Milan aveva già intenzione di fare uno o due sacrifici per ripianare il bilancio: Gigio Donnarumma e uno o più di uno tra Suso, Ricardo Rodriguez, Patrick Cutrone e Samu Castillejo. 
E, soprattutto, il Milan aveva già deciso di dar vita ad un progetto basato su giovani acquistabili a prezzi consoni (come dimostra la rinuncia all’operazione da circa 35 milioni per Stefano Sensi) e futuribili per plusvalenze (come sarebbe stato Ozun Kabak, che però ha scelto lo Schalke).

Ecco il comunicato ufficiale: 

Il Milan è escluso dalla partecipazione alle competizioni UEFA per club nella stagione sportiva 2019/2020 come conseguenza della violazione degli obblighi di pareggio di FFP durante i periodi di monitoraggio 2015/2016/2017 e 2016/2017/2018

Ecco il documento ufficiale: 

https://www.tas-cas.org/fileadmin/user_upload/CAS_Media_Release_6083_6261.pdf

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia