Ufficiale, Coppa Italia: Roma-Spezia 0-3 a tavolino

La Roma, dopo aver perso la sfida sul campo contro lo Spezia, ha ricevuto anche la sconfitta a tavolino. 0-3 decretato dal giudice sportivo Alessandro Zampone.

Roma
immagine tratta dal profilo ufficiale Twitter di Pedro

Ottavi di finale di Coppa Italia molto amari per i giallorossi. Sono il sintomo di una squadra in fase di sbandamento, con troppe liti e frizioni. Non è emerso alcun indice di una volontà di proseguire tutti nella medesima direzione.

La motivazione della sconfitta per 0-3 a tavolino è da ricercarsi nella scelta di sei sostituzioni anziché cinque. Regolamento alla mano non è possibile optare per una scelta del genere. Non c’entra il fatto che la gara si andata ai supplementari. La regola prevede sempre al massimo cinque sostituzioni.

La Roma sta attraversando una fase turbolenta della sua stagione. La società, come reazione, ha deciso di licenziare il tema manager Gianluca Gombar, ricordato com molto affetto da diversi elementi della rosa. Inoltre ha optato per l’esclusione anche del Global sport officer Manolo Zubiria.

Durante il match, nel secondo tempo supplementare, erano stati espulsi Mancini e il portiere Pau Lopez. Il tecnico aveva fatto entrare il portiere di riserva Fuzato per Cristante e Ibanez per Pedro. In questo modo sono state effettuate sei sostituzioni, con Pellegrini perplesso che avrebbe chiesto spiegazioni.

Ora un’altra sfida, sempre contro lo Spezia, questa volta in campionato per vedere quale sarà il futuro del tecnico lusitano. La squadra ha bisogno di rialzare la testa e non perdere altro terreno dalle prime della classe.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega