Ufficiale, Barcellona: ceduti i “naming rights” del Camp Nou alla Fundació Barça

Per combattere il Coronavirus, il Barcellona ha deciso di cedere i “naming rights” del Camp Nou alla Fundació Barça per combattere l’emergenza Coronavirus

Decisione storica quella presa dal Barcellona che ha ceduto i “naming rights” della propria casa, il Camp Nou, alla Fundació Barça. Obiettivo del club blaugrana è combattere l’emergenza Coronavirus che ha messo sottosopra il mondo intero.

Il Coronavirus sta rivoluzionando anche il mondo del calcio ed il Barcellona vuole dare il proprio contributo in questa lotta. Come affermato dal vicepresidente blaugrana Jordi Carboner, sarà la prima volta lo stadio del Barça cederà i suoi “naming rights” e lo farà per dare un messaggio universale.

Dal prossimo anno, il Camp Nou passerà nelle mani della Fundació Barça che adesso inizierà, attraverso l’area commerciale del club, il processo di ricerca di uno sponsor che potrà rinominare per un anno lo storico impianto. La cifra ricavata da questo patrocinio sarà poi utilizzata per finanziare progetti nella lotta al Coronavirus.

Una scelta storica, come spiegato da Jordi Carboner, presa dal Consiglio direttivo del club in maniera del tutto eccezionale. Nel comunicato ufficiale pubblicato dal Barcellona, viene reso noto come tale decisione sia stata presa per dare una risposta forte in un momento così difficile per l’umanità.

Originariamente, il Barcellona aveva intenzione di cambiare il nome del proprio stadio a partire dalla stagione 2023-2024. Tuttavia, lo scoppio dell’emergenza Coronavirus ha portato il club blaugrana a rivedere i propri piani e a scendere in campo per una partita ben più importante.

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese e asiatico
Tutti i post di Danilo Servadei