Trapani, l’ottava sconfitta che fa davvero male

Il cambio in panchina, forse dalla prossima settimana, produrrà gli effetti sperati. L’ufficialità dell’arrivo di Alessandro Calori a Trapani è giunta solo dopo la bruciante sconfitta interna per mano del Carpi, l’ottava stagionale, che ha relegato sempre più sul fondo della classifica la squadra granata. 

trapani-calcio

Un KO di misura arrivato con il rigore siglato da Catellani al minuto 38 del primo tempo. La reazione dei padroni di casa è stata fiacca, sterile, sottotono. E così è arrivata la terza sconfitta davanti ai propri tifosi. I quali hanno potuto gioire solo una volta fin qui in campionato, per la precisione il 25 ottobre scorso con l’1-0 rifilato un po’ a sorpresa al lanciatissimo Benevento.

Così, se da un lato la corsa del Carpi verso un posto in zona playoff continua spedita, quella disperata del Trapani per salvarsi è ancora più complicata. Grande attenzione oggi sarà rivolta alla gara del “Partenio” tra Avellino e Ascoli, due delle prime tre squadre che sono davanti in classifica. Sperando che anche lo stesso Vicenza non faccia risultato a Novara. Altrimenti la situazione anche in ottica playout sarebbe pressoché irrecuperabile.