Tennis, WTA Elite Trophy Zhuhai: si qualificano per le semifinali Barty, Sevastova e Vandeweghe, fuori Kerber

La terza giornata del torneo WTA di Zhuhai ha consegnato i primi verdetti ufficiali per l’allineamento delle semifinali in programma da sabato.

La prima a strappare il pass per le semifinali è stata la giovane australiana Ashleigh Barty che nella giornata di ieri aveva sconfitto in due set la russa Pavlyuchenkova ed oggi ha superato, ad inizio giornata, l’ex numero uno del mondo Angelique Kerber, sempre in due parziali.

Due successi netti e convincenti per la recente finalista del torneo Premier 5 di Wuhan che la trasportano in semifinale dove partirà sicuramente tra le favorite anche per una possibile vittoria finale dell’evento.

La seconda a strappare già quest’oggi il suo biglietto per le semifinali e a trionfare così nel suo girone, è stata la lettone Anastasia Sevastova che, al successo in due set maturato ieri contro Stephens, ha fatto seguire una nuova affermazione sempre piuttosto nettamente in due parziali, sulla ceca Strycova, vincendo a punteggio pieno e senza set persi per strada, il suo girone.

Infine, l’ultima che ha raggiunto già oggi, matematicamente le semifinali, è stata la seconda testa di serie dell’evento, la statunitense CoCo Vandeweghe, che dopo aver battuto all’esordio, il primo giorno, la cinese Peng in rimonta, ha sconfitto la russa Vesnina in un’ora e 20 circa di gioco con una superba prestazione al servizio, collezionando 11 ace e annullando tutte e 4 le palle break concesse.

Domani, verrà svelato anche il nome dell’ultima giocatrice ammessa alle semifinali nella sfida del gruppo “Azalea” tra la numero uno del seeding Kristina Mladenovic e la tedesca Julia Goerges.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini