Tennis, Us Open 2019 Femminile: Bencic estromette Osaka, Vekic salva un match point, avanti anche Andreescu

Grossa sorpresa nel secondo lunedì degli Us Open al femminile, giornata dedicata a concludere gli incontri di ottavi di finale ancora in programma.

La campionessa uscente e numero uno del mondo Naomi Osaka ha dovuto abdicare già agli inizi della seconda settimana, sconfitta in due set dalla svizzera Belinda Bencic contro cui aveva già perso due volta quest’anno.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

La ventunenne svizzera, che si era già issata ai quarti di finale di un major proprio a New York, quattro anni fa, appena diciassettenne, ha giocato la partita perfetta, continua da fondo campo, precisa e penetrante con i colpi a rimbalzo approfittando anche di una versione un po’ acciaccata della sua avversaria, alle prese fin da Cincinnati con un problema al ginocchio.

Così Bencic, per la prima volta dopo quattro anni, un lungo infortunio ed un’imponente risalita nel ranking mondiale, fa il suo ritorno nei quarti di uno slam e se la vedrà, adesso, contro un’amica del circuito, la croata Donna Vekic.

La classe ’96, numero ventitré del tabellone e protagonista della miglior stagione della sua carriera, ha rimontato un set ed un break di svantaggio, salvando pure un match point, alla tedesca Julia Goeregs, poi piegata per 6-3 al terzo.

Per Vekic si tratta anche della terza vittoria, in questo 2019, in rimonta dopo aver salvato match point, segnale inequivocabile di una forte crescita anche sotto il profilo mentale.

Continua a gonfie vele anche la corsa della canadese Bianca Andreescu, classe 2000 e vera rivelazione di questa stagione che, dopo il successo casalingo nel WTA Premier 5 di Toronto sembra proprio non fermarsi più.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Andreescu ha dovuto cedere il primo set del suo torneo alla brillante statunitense Taylor Townsend, proveniente dalle qualificazioni ed autrice della sorprendente eliminazione, al secondo turno, di Simona Halep.

Ora per la giovanissima canadese, per la prima volta così avanti in un major ci sarà la belga Elise Mertens che, in due set, ha spazzato via un’altra statunitense, Khristie Ahn e concorrerà con le tre ragazze già citate a conquistare la prima finale in un major, traguardo speciale e significativo per ciascuna di loro.