Tennis, Fed Cup: l’Italia cede alla Svizzera, adesso rischia la retrocessione

La due giorni di Fed Cup a Biel nella sfida tra Svizzera ed Italia, valida per un posto nei playoff di aprile per tornare nel World Group, è terminata in un attimo con una sconfitta davvero pesante.

Dopo aver chiuso il sabato in vantaggio per 2-0, le svizzere hanno trovato subito il successo nel primo singolare della domenica, quello tra le due singolariste con la classifica migliore, chiudendo così in poco tempo la pratica.

(Fonte: Profilo Twitter Tennis World Italia)

Dopo i successi della prima giornata di Belinda Bencic su Sara Errani e di Viktoria Golubic, molto a sorpresa, su Camila Giorgi, la situazione si era già complicata enormemente per le azzurre costrette a vincere tutti e tre i restanti incontri per conquistare la vittoria.

Ma così non è stato e, pronti via, Belinda Bencic, numero uno di Svizzera, ha liquidato in due set la numero uno d’Italia Camila Giorgi, apparsa davvero poco convincente in questa sfida, vittima di una eccessiva tensione.

Con questo successo la Svizzera ha così strappato il pass per i playoff di aprile e a nulla è servito il doppio, a risultato già acquisito, che è finito nelle mani dell’Italia come punto della bandiera grazie al successo di Sara Errani e Martina Trevisan su Timea Bacsinszky e Stefanie Voegele.

Adesso per l’Italia non resta che aspettare domani quando verrà effettuato il sorteggio e si scoprirà la rivale dei play out, sempre ad aprile, nei quali si deciderà il destino delle azzurre, se sarà permanenza nel World Group II o se sarà un’ulteriore e pesante retrocessione. 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini