Tennis, ATP e WTA: Garcia trionfa a Wuhan, Bondarenko torna a vincere dopo 9 anni, in Cina avanza Goffin

Giungono al termine gli appuntamenti del circuito femminile con i tkrneitornei WTA di Wuhan e Tashkent che incoronano le loro regine mentre in Cina, nei due eventi ATP, i tabelloni si allineano alle finali.

WTA WUHAN
Era da Wimbledon 2013, da Marion Bartoli, che una tennista francese non vinceva un grande torneo del circuito WTA, ed oggi, più di 4 anni dopo, questo lungo digiuno si è interrotto.

A trionfare, nel Premier 5 di Wuhan, è stata la transalpina Caroline Garcia che ha concluso una settimana da sogno con il successo in finale sulla giovane australiana Ashleigh Barty.

Una finale equilibrata ed avvincente con entrambe le protagoniste molto tese e contratte vista l’alta posta in gioco, alla prima esperienza tanto importante in un grande torneo.

Il merito di Caroline è stato quello di non smettete mai di crederci, anche dopo aver perso il primo set, molto equilibrato punto a punto, al tie break, e anche dopo essersi trovata sotto 4-5 nel secondo, in risposta per rimanere nel match.

Ma nel momento decisivo, complice anche qualche indecisione di troppo della australiana, Garcia ha saputo tirare fuori il meglio di sé, finendo per mettere prima tutto in parità conquistando il secondo parziale al tie break e dominando, dall’inizio alla fine il terzo e decisivo set.

Per Garcia, da tanti considerata già da diversi anni una predestinata, si tratta del primo grande trofeo della carriera, il quarto in totale e chissà che non possa permetterle finalmente di sbocciare completamente.

WTA TASHKENT
Storia del tutto differente quella che il circuito WTA ha offerto nella capitale dell’Uzbekistan, con un commovente ritorno al successo di Kateryna Bondarenko.

Dopo aver appeso al chiodo la racchetta per qualche anno nei quali la tennista ucraina ha deciso di prendersi del tempo per sé e per la sua famiglia, dando alla luce una figlia, Kateryna torna a vincere un torneo WTA addirittura 9 anni dopo il primo e unico sigillo sull’erba di Birmingham.

A Tashkent l’ucraina ha superato la favorita Timea Babos che come successo poche settimane fa nel torneo di Quebec City, ha finito per sciogliersi sul più bello, nel momento decisivo, dopo aver espresso lungo tutto l’evento, un ottimo tennis.

Ma oggi era il giorno di Kateryna che, approfittando della versione opaca scesa in campo della Babos e grazie ad un tennis pulito, potente ed efficace, è tornata a sollevare al cielo un trofeo interrompendo un digiuno lungo 9 anni.

AT SHENZEN
Termina in semifinale la corsa del bosniaco Damir Dzumhur che, dopo il titolo conquistato a San Pietroburgo la scorsa settimana, ed il successo su Alexander Zverev, numero 4 del mondo, ieri, ha interrotto la sua striscia positiva imbattendosi contro il talentuoso ucraino Dolgopolov che si è imposto in due set.

Domani, la testa di serie numero 5 sfiderà in finale il belga David Goffin che ha sofferto molto ma alla fine ha superato lo svizzero Laaksonen.

ATP CHENGDU
Finale tra due veterani del circuito ATP nel torneo 250 cinese, dato che a sfidarsi per la conquista del titolo, saranno il cipriota Marcos Baghdatis e l’uzbeko Denis Istomin.

Il primo ha superato l’argentino Pella rimontando un set di svantaggio, mentre il secondo ha sconfitto, sempre in tre set, il giapponese Sugita, ultima testa di serie rimasta nel main draw.