Tennis, ATP: super vittoria di Caruso a Umago, niente da fare per Sinner

Anche quest’anno nel torneo ATP 250 di Umago i colori azzurri si sono resi protagonisti in un evento che, ormai, celebra imprese e grandi vittorie dei tennisti italiani.

Sulla terra rossa croata, malgrado le eliminazioni premature dei due azzurri più attesi, entrambi ex vincitori del torneo, Fabio Fognini e Marco Cecchinato, fuori all’esordio, non sono mancate altre belle soddisfazioni che tengono i riflettori puntati sul torneo fino alle fasi più calde.

ATP UMAGO

Dopo Stefano Travaglia anche Salvatore Caruso centra l’accesso ai quarti di finale del torneo ATP 250 sulla terra rossa croata grazie ad una vittoria sorprendente e, senza dubbio, appagante.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Federtennis)

Il tennista siciliano, infatti, ha estromesso dal torneo il beniamino di casa, numero due del tabellone e numero 14 del ranking ATP, Borna Coric, al rientro dopo un infortunio che lo ha costretto a saltare anche il terzo slam dell’anno a Wimbledon.

Tuttavia, questo non toglie nulla alla bella prestazione di Caruso, in un buon momento di forma e che, dopo aver superato le qualificazioni, si spinge così fino ai quarti di finale dove sfiderà, questa sera, nell’ultimo incontro di giornata, l’argentino Facundo Bagnis.

Nulla da fare, invece, per l’altro azzurro in gara nella giornata di ieri, il giovanissimo classe 2001 Jannik Sinner che, accreditato di una wild card, dopo aver superato con successo il primo turno, si è arreso, in due set, allo sloveno Aljaz Bedene.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini