Tennis, ATP Master 1000 Shanghai: è grande Italia, Fognini e Berrettini volano ai quarti

Grande Italia nel giovedì dedicato agli ottavi di finale dell’ATP Master 1000 di Shanghai, penultimo appuntamento di questo valore in questa coda della stagione.

Fabio Fognini e Matteo Berrettini hanno entrambi centrato l’accesso ai quarti di finale del torneo grazie a due nette e prestigiose vittorie realizzano così questo traguardo, ovvero due volti azzurri tra i migliori otto di un Master 1000, per la seconda volta in questo 2019, la terza nella storia.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Entrambi impegnati sul secondo campo di Shanghai, ed entrambi ancora in corsa per una qualificazione alle ATP Finals di Londra, il primo ad entrare sulla scena è stato il ligure che era atteso da un incrocio molto complicato contro il russo Karen Khachanov, numero sette del tabellone e contro cui aveva perso, nemmeno una settimana fa, a Pechino.

Questa volta, però, è stata tutta un’altra storia con Fognini che, in due set, cedendo appena otto giochi in ora e tre quarti di gioco, si è preso un’importante rivincita che, oltre a proiettarlo più in alto nella race che qualifica alle Finals, frena la corsa del russo, adesso a buona distanza.

Poco dopo è toccato a Matteo Berrettini, protagonista fin qui di una stagione da incorniciare ed opposto in ottavi al numero otto del tabellone, lo spagnolo Roberto Bautista Agut, attualmente numero sette della race e quindi obiettivo principale nel mirino degli inseguitori.

Il tennista romano, che contro lo spagnolo aveva vinto in due precedenti sui tre disputati perdendo però l’unico sul cemento, ha disputato una partita super soprattutto dal punto di vista mentale, attento a non deconcentrarsi nel primo set una volta perso il vantaggio, chiudendo poi al tie break, e nel secondo, invece, a rimontare presto un immediato svantaggio.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Con questo successo Berrettini centra per la prima volta in carriera i quarti di finale di un evento Master 1000 a riprova, insieme ai due titoli già conquistati quest’anno e alla magistrale seminale di New York di qualche settimana fa, di un 2019 davvero spaziale.

Adesso, nei quarti, ci saranno inevitabilmente, per entrambi, due sfide super impegnative come altrimenti non potrebbe essere in tornei del genere con Fognini che sfiderà il russo Daniil Medvedev, tra i giocatori già caldi del momento mentre Berrettini se la vedrà contro il vincente della sfida tra il numero quattro Dominic Thiem ed il georgiano Nikoloz Basilashvili.