Tennis, ATP Master 1000 Roma: solido esordio di Fognini, rimonta Cecchinato, out Sonego

Il terzo ATP Master 1000 dell’intensa stagione primaverile sulla terra rossa, in programma a Roma, è decisamente entrato nel vivo in questo lunedì con l’esordio, dopo i successi di Matteo Berrettini e Jannik Sinner, di altri tre azzurri e, soprattutto, con nuove buone soddisfazioni.

Buona la prima per il campione di Montecarlo Fabio Fognini che, nell’attesissimo match serale contro l’ex top ten Jo-Wilfried Tsonga, contro il quale aveva perso 4 volte su 5 in passato, ha avuto vita relativamente facile grazie ad un tennis solido ed efficace.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Il tennista ligure si è imposto in due set con sicurezza e personalità accedendo così al secondo turno nel quale, il sorteggio, sembra essere stato più clemente, contro il vincente della sfida tra Benoit Paire e Radu Albot, in vista di turni, inevitabilmente, poi sempre più impegnativi.

Buona la prima anche per il numero 16 del tabellone Marco Cecchinato che, malgrado qualche problema iniziale dovuto forse ad un eccesso di tensione e ad alcune partenze un po’ a rilento che stanno diventando un tratto tipico, si è imposto alla distanza contro il giovane australiano Alex de Minaur finendo per dominare al terzo set.

Il tennista siciliano, semifinalista dodici mesi fa al Roland Garros, tornerà in campo già quest’oggi, nella sessione serale del Campo Centrale, contro il veterano Philipp Kohlschreiber in un match pieno di insidie ma comunque alla sua portata.

Nulla da fare, invece, per Lorenzo Sonego che non trova, sui campi del Foro Italico, lo stesso successo ottenuto, qualche settimana fa a Montecarlo, contro il russo Karen Khachanov, numero 11 del seeding.

Questa volta ad avere la meglio è stato il campione dell’ultimo ATP Master 1000 della scorsa stagione, a Parigi, che si è imposto al terzo set approfittando anche di qualche problemino fisico per il torinese decisamente sfortunato, comunque, nel sorteggio.

Esordio vincente, in rimonta, anche per il numero 13 del tabellone, il croato Borna Coric che, in un match tra probabili campioni del futuro ma già solide realtà del presente, ha avuto la meglio alla distanza del classe 2000 canadese Felix Auger Aliassime alla sua prima partecipazione a Roma.

Infine, esce di scena la testa di serie numero 15 del main draw, il francese Gael Monfils che, una settimana fa, a Madrid, aveva fatto tremare Roger Federer ed invece, nella città eterna ha ceduto di schianto, in un’ora di gioco contro lo spagnolo Albert Ramos Vinolas, proveniente dalle qualificazioni.