Tennis, ATP: Djokovic si salva e va in finale a Dubai, avanti anche Nadal in Messico

Nel circuito maschile ATP sono ben tre gli eventi in programma in questa ultima settimana di febbraio con due appuntamenti di buon livello che hanno visto il ritorno in campo di alcuni big, ed un terzo, invece, a completare il mese su terra rossa in Sudamerica.

ATP 500 DUBAI

Si salva Novak Djokovic e mette a referto la vittoria numero 16, in altrettanti confronti diretti, contro il francese Gael Monfils (2-6 7-6 6-1), colpevole, questa volta, di non aver sfruttato ben tre match point, di cui due al servizio, nel tie break del secondo set dopo aver vinto il primo parziale.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Monfils, partito benissimo e in striscia positiva dopo i due trionfi ottenuti a Montepellier e Rotterdam nelle scorse settimana, si è ritrovato prima avanti di un set e di un break e poi in vantaggio per 6-3 nel tie break del secondo parziale.

Ma la reazione di Djokovic, sostenuta anche dalla paura che ha travolto Monfils, non è tardata ad arrivare ed il serbo, ad un passo dal baratro, ha ritrovato la forza per trascinare il match al terzo e vincere un’altra partita in questo 2020, la diciassettesima, a fronte ancora di zero sconfitte.

In finale, però, il tennista serbo dovrà innalzare ancora il proprio livello ed evitare cali di tensione contro il secondo favorito del seeding e numero sei del mondo Stefanos Tsitsipas, campione la scorsa settimana a Marsiglia.

Il tennista greco ha interrotto la grande corsa del britannico Daniel Evans (6-2 6-3) che nel corso del torneo aveva sorpreso Fabio Fognini e Andrey Rublev, prima di cedere nettamente proprio a Tsitsipas.

FINALE ATP 500 DUBAI

(1) NOVAK DJOKOVIC (SRB) vs (2) STEFANOS TSITSIPAS (GRE) (H2H 2-2)

ATP 500 ACAPULCO

Torna in finale in Messico Rafael Nadal, numero uno del tabellone di Acapulco e piuttosto convincente lungo tutto l’arco della settimana nella quale non ha ancora perso un set.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Il tennista spagnolo, in semifinale, ha superato per la tredicesima volta in quattordici confronti diretti, il bulgaro Grigor Dimitrov (6-3 6-2), recuperando in entrambi i parziali un break di svantaggio ma riuscendo poi ad imporsi piuttosto comodamente.

Adesso Nadal se la vedrà, per la prima volta in carriera contro il giovane statunitense Taylor Fritz che ha rimontato un set ed un break di svantaggio al connazionale John Isner (2-6 7-5 6-3) per centrare così la finale più importante della carriera.

FINALE ATP 500 ACAPULCO

(1) RAFAEL NADAL (ESP) vs TAYLOR FRITZ (USA) (H2H 0-0)

ATP 250 SANTIAGO

Nell’ultimo evento sulla terra rossa di questo mese di febbraio sudamericano, dopo i tornei di Cordoba, Buenos Aires e Rio de Janeiro, torna nella fasi calde del torneo Casper Ruud, vincitore nella capitale argentina un paio di settimane fa e a segno, ieri, contro Federico Delbonis in due set (7-5 7-5).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Per lui adesso ci sarà lo spagnolo Albert Ramos Vinolas, terza testa di serie del torneo, che in due set ha piegato il brasiliano Thiago Monteiro (6-4 6-4), numero otto del tabellone cileno.

Nella parte alta del tabellone, è stato costretto al ritiro il beniamino di casa e vincitore di Cordoba e Rio, Christian Garin che, dopo aver ceduto il primo set al tie break, ha lasciato il via libera al diciannovenne brasiliano Thiago Seyboth Wild (7-6 ritiro).

Adesso per Seyboth Wild, alla caccia della prima finale della carriera, ci sarà la sfida super abbordabile contro il qualificato argentino Renzo Olivo che, in continua rimonta per tutto il match e ad un passo dalla sconfitta nel terzo, ha sempre trovato la forza di recuperare e di piegare alla distanza il boliviano Hugo Dellien (3-6 7-6 7-5).