Serie B, top e flop 27° giornata: Masucci decisivo, che errore di Agliardi!

Frosinone-Verona 1-0: il big match di oggi se lo aggiudica il Frosinone, che spreca troppo ma vince grazie ad una prova di spessore e volta in vetta alla classifica. Verona coraggioso, ma in palese difficoltà dietro e sfortunato in avanti. A decidere il match è un rigore dubbio trasformato da Ciofani. Migliori in campo Bardi e Bessa (6.5 per entrambi), il primo per alcune parate importanti e il secondo per la generosità. In ombra Pazzini (5.5), poco pericoloso. Nessuna insufficienza in casa laziale.

Spal-Perugia 2-0: i ferraresi scartano i regali offerti da Benevento e Verona e si insediano al secondo posto grazie alle reti di Floccari e Schiattarella. Perugia volitivo, ma non concreto. Bene Floccari (6.5), generoso e spietato, e Guberti (6), il più insidioso dei suoi. Non benissimo, invece, Del Prete (5.5), impreciso al cross e assente in occasione del gol del raddoppio, nato sulla sua fascia. Nessun voto basso per i biancocelesti.

Entella-Carpi 2-0: i liguri vincono lo scontro diretto per i playoff e buttano momentaneamente fuori gli emiliani dalle prime otto; i gol che decidono il match sono di Caputo e Catellani. Migliori in campo Caputo (7.5), autore di gol e assist decisivi e Bianco (6.5), il più intraprendente dei suoi, nonché quello che va più vicino alla rete. Male Poli (5), coprotagonista degli errori da cui nascono i gol avversari. Nessuna insufficienza tra i liguri.

Novara-Spezia 2-1: nell’altro spareggio playoff della giornata, i piemontesi battono uno Spezia in affanno difensivo. Il redivivo Macheda e il solito Galabinov, uniti al consueto gol di Granoche, sono gli autori dei gol che decidono il risultato. Gran partita di Galabinov (7.5), che vince la gara da solo con l’assist a Macheda e il gol del definitivo 2-1, e gara di sostanza di Granoche (7), ancora a rete e sempre sul pezzo. Male Ceccaroni (5), in visibile difficoltà per tutta la gara. Anche qui, nessuna insufficienza per la squadra vincitrice.

Avellino-Vicenza 3-1: eh sì, è un Avellino nuovo, nell’anima e nel gioco. Novellino lo ha curato benissimo ed ora si ritrova addirittura in zona playoff. La doppietta di capitan D’Angelo e la rete di Ardemagni danno un colpo quasi mortale al Vicenza, che segna solo il gol della bandiera con Bellomo e si ritrova al terzultimo posto in compagnia della Pro Vercelli. Migliori in campo D’Angelo (8) e Bellomo (6), il primo per le reti e il piglio da lottatore che lo contraddistingue e il secondo per essere stato l’unico a fare qualcosa di buono tra i veneti. Male, tra i tanti, Doumbia (5), che entra nella ripresa e apre subito la strada ad Ardemagni che va a realizzare il 3-0. Nessun giocatore insufficiente tra gli irpini.

Cesena-Pro Vercelli 1-2: Cesena sorpreso e trafitto due volte da una Pro Vercelli grintosa che ora può respirare un po’. Rolando Bianchi ed Emanuello regalano ai piemontesi tre punti preziosi, mentre il gol del momentaneo pareggio romagnolo di Rigione si rivela inutile. Cesena di nuovo vicino ai bassifondi. Bene Bianchi e Ciano (6.5) per entrambi, il primo per il gol e l’esperienza che offre e il secondo per l’assist e la caparbietà che mette. Disastroso Agliardi (4), che regala agli avversari il vantaggio con una papera clamorosa sul tiro di Bianchi, mentre non ha funzionato granché Aramu (5.5), poco incisivo.

Ascoli-Pisa 2-4: i toscani giocano un match eccellente e, per la prima volta in questa stagione, realizzano più di due reti. Guarigione dal mal di gol o caso isolato? Il tempo lo dirà, ma ciò che risalta adesso è il piccolo distacco dei toscani dalla zona playout. Ascoli incisivi in avanti e disastrosi dietro, non c’è che dire. Gara squilibrata dei marchigiani. Masucci (doppietta), Mannini, Angiulli, Favilli e Cacia i marcatori dell’incontro. Migliori in campo Favilli (6) e Masucci (7.5): l’ascolano segna il gol del momentaneo vantaggio bianconero e ci mette voglia; il pisano fa a fette gli avversari e li trafigge due volte. Augustyn (5) è l’unico peggiore in campo: non azzecca un intervento e sbaglia un gol fatto. Nessuna insufficienza per i nerazzurri.

Ternana-Latina 0-1: quarta sconfitta di fila per gli umbri, adesso ultimi in classifica. Troppa imprecisione sotto porta ed una difesa non all’altezza stanno condannando i rossoverdi ad un’amara retrocessione. Il gol siglato da De Vitis permette, invece, ai pontini di risollevarsi dopo le quattro sconfitte consecutive subite e di rilanciarsi in ottica salvezza. Migliori in campo De Vitis e Avenatti (7 ad entrambi): il primo segna il gol vittoria e gioca con scioltezza, l’altro entra a gara in corso e spaventa gli avversari. Forse era meglio che partisse titolare. Male Diakitè (5), ben poca roba sulla destra. Nessuna insufficienza, invece, tra i nerazzurri.

Trapani-Salernitana 1-0: grazie alla rete di Maracchi, i siciliani abbandonano finalmente l’ultimo posto e si candidano ufficialmente alla salvezza. Salernitana non brillante e meritatamente battuta. Migliori in campo Maracchi (7), autore del gol decisivo e di una partita ottima, e Gomis (6.5), che limita i danni con alcune buone parate. Male Bittante (5), spesso in ritardo. Nessun giocatore siciliano tra i peggiori.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 28 anni e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureando in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana