Serie B, top e flop 14° giornata: disastro della retroguardia veronese, Faragò super. Ternana in tilt, grande Soddimo

Spal-Brescia 3-2: Nel primo anticipo accade di tutto: Brescia avanti due volte con Bisoli e Caracciolo su rigore, ma i ferraresi rispondono colpo su colpo con Finotto e Antenucci; nel finale è ancora Finotto a regalare 3 punti importanti ai suoi. Il migliore dei padroni di casa è Finotto (8), per la doppietta che realizza e per la sua vivacità che mette in crisi i bresciani. Il peggiore, invece, è Giani (5.5); ingenuo sul rigore e complessivamente poco tranquillo. Nel Brescia svetta su tutti il solito Caracciolo (8): un gol, un assist, sportellate con gli avversari e un gol di testa sfiorato. Il peggiore non è Lancini, ingiustamente espulso a inizio ripresa, ma Bubnjic (4), in ritardo su entrambi i gol di Finotto e sempre in affanno.

Vicenza-Latina 0-1: E adesso Bisoli rischia davvero: il suo Vicenza gioca in 10 per un’ora ma non riesce a sfondare, complice anche una giornata super di Pinsoglio. Il gol partita lo segna il pontino Corvia su rigore. Anche i veneti ne hanno uno, ma Bellomo se lo fa parare da Pinsoglio. Il migliore del Vicenza è Esposito (6), che sbaglia poco lì al centro della difesa, ma deve uscire per infortunio a fine primo tempo. Il peggiore è Bellomo (4), per il rigore sbagliato e la poca lucidità in generale. Il migliore dei nerazzurri è Pinsoglio (8), che para il rigore e salva i suoi in un paio di circostanze; il peggiore è Nica (4), autore di un inutile fallaccio a centrocampo dopo soli 29 minuti che poteva mettere a repentaglio il match dei suoi.

Cesena-Pisa 2-0: Una doppietta di Rodriguez riporta il Cesena al successo contro un Pisa troppo scialbo in avanti, seppur combattivo. Il migliore è appunto Rodriguez (8), sempre pericoloso in avanti e puntuale all’appuntamento. Il peggiore è Cascione (5.5), poco incisivo. Il migliore dei pisani è Verna (6), poco appariscente ma concreto, e il peggiore è Sanseverino (5), mai in partita.

top-and-flop

Benevento-Cittadella 1-0: Un gol nel finale di Ceravolo piega i veneti, usciti sconfitta senza che lo meritassero. Il migliore dei campani è proprio Ceravolo (7), autore del gol decisivo e pronto a sacrificarsi anche dietro. Delude Ciciretti (5), oggi poco ispirato. Tra i granata buona prova di Iori (7), ottimo in rifinitura, male invece Litteri (5), mai pericoloso.

Carpi-Avellino 1-1: Botta e risposta tra Ardemagni su rigore e Lasagna, poi tanta confusione e Carpi poco incisivo. Il migliore degli emiliani è Lasagna (7), ormai imprenscindibile. Vero uomo chiave. Il peggiore è Sabbione (5), autore del fallo da rigore e sempre in difficoltà. Il miglior uomo degli irpini è Perrotta (6.5), condottiero della difesa ed eroico nell’immolarsi nel vano tentativo di stoppare l’azione del gol emiliano. Il peggiore è Migliorini (4), espulso a 10 minuti dal termine dopo una gara in apnea. Sempre in difficoltà.

Entella-Pro Vercelli 0-0: Pareggio giusto tra due squadre che oggi hanno tirato il freno a mano. Leggermente meglio i piemontesi. Il migliore dei liguri è Iacobucci (6.5), ottimo su Emanuello e Mammarella nel primo tempo; il peggiore è Belli (5.5), meno attivo del solito. Nella Pro, prova positiva di Bani (6.5), che riscatta quella disastrosa di Bari e limita gli attacchi dei biancazzurri. Poco brillante, invece, La Mantia (5.5), oggi in giornata no.

Perugia-Trapani 1-1: Anche qui un botta e risposta, prima Nicastro per gli umbri e poi Coronado per i siciliani. Il Perugia non sale in classifica, il Trapani si accontenta, ma resta ultimo. Il migliore dei padroni di casa è Del Prete (6.5), che entra al 66° minuto dopo una lunga assenza ed effettua il cross che Nicastro mette in rete: Di Chiara (5), invece, è il peggiore dei perugini: spinge poco e rischia di farla grossa quando spinge in area Petkovic (7), il migliore dei ragazzi di Cosmi, che fa rivedere sprazzi del giocatore che fu lo scorso anno. Rizzato (5) è invece il peggiore, dal suo lato il Perugia affonda sempre e lui non sempre mette una pezza.

Verona-Novara 0-4: E chi se lo aspettava un tonfo così? Un disastro senza attenuanti, una squadra non scesa in campo e trafitta a piacimento da un Novara in forma smagliante che va in rete con Casarini, Viola, Faragò e Galabinov. Difficile trovare un migliore tra gli scaligeri, quindi scegliamo il meno disastroso, Fossati (6), che quantomeno prova a mettere ordine in mediana, ma sempre con esiti poco felici. Tra i peggiori, il più negativo è stato Bianchetti (4), oggi catastrofico là dietro. Nel Novara non ci sono peggiori, ovviamente, e tra i migliori si segnala Faragò (8), straripante quando parte in velocità e autore di un gol e un assist.

Frosinone-Ascoli 3-1: Due gol di Soddimo e uno di Ciofani inframmezzati dalla rete di Cacia, e i canarini volano al secondo posto a -3 dal Verona. Ascoli inferiore tecnicamente, ma troppo molle. Soddimo (8.5) è indubbiamente il migliore dei suoi, per i gol e la voglia che mette. Nessuna nota negativa, invece. Tra i migliori dell’Ascoli citiamo Cacia (6), in gol con l’unica chance creata dai bianconeri oggi, mentre tra i peggiori “svetta” Almici (5), oggi in sofferenza totale.

Salernitana-Ternana 4-2: Gara pazzesca, con i rossoverdi che sciupano una grande occasione per mettersi più al riparo e mettono forse fine all’avventura di Carbone sulla loro panchina. Umbri subito sul 2-0 con Palombi e Falletti, ma poi segna Perico. Dopo l’espulsione di Meccariello le “fere” spariscono e Coda e Vitale su rigore completano la rimonta già nel primo tempo. Nel finale di gara Rosina cala il poker. Il migliore dei campani  è Coda (7.5), scatenato, autore di un gol e creatore di continui pericoli. Il peggiore è Mantovani (5), poco lucido e colpevole sul gol di Palombi. Il miglior ternano è Falletti (7), sempre sul pezzo e autore di un gran gol. Il peggiore è senza dubbio Meccariello (4), che combina un disastro facendosi buttare fuori poco dopo la mezz’ora, con i suoi in vantaggio di un gol, per un fallo inutile e pericoloso.

 

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana