Serie B, risultati 12° giornata: la Salernitana vola al terzo posto, Padova e Cremonese risorgono. Benevento rimontato e beffato dal Carpi

Ascoli-Padova 2-3: esordio positivo anche per Foscarini, che soffre per più di 95 minuti nel vedere i suoi rischiare tante, troppe volte di essere raggiunta. Ngombo porta i padroni di casa in vantaggio dopo venti minuti, ma Bonazzoli pareggia subito; nella ripresa Merelli fa gli straordinari e sventa numerosi tiri insidiosi degli avversari, mentre i suoi si affidano al contropiede e riescono ad andare sopra di due reti grazie a Capello e Mazzocco; Brosco fa tremare i patavini negli ultimi minuti, ma il Padova resiste e, infine, esulta per tre punti fondamentali grazie ai quali scavalcano il Cosenza e vanno al quindicesimo posto. Amarezza, invece, per l’Ascoli, che non solo deve rinunciare al quarto posto, ma addirittura precipita al nono.

Carpi-Benevento 2-2: era la finale playoff del 2017 e i sanniti completarono la loro stagione da sogno battendo gli emiliani e andando in Serie A. Quasi due anni dopo, le due compagini si riaffrontano e stavolta il Carpi gioca un bel tiro mancino agli avversari privandoli di una vittoria che li avrebbe proiettati al quarto posto. I gol arrivano nel secondo tempo: Letizia all’inizio e un rigore di Coda a metà tempo sembravano decidere il match, ma con un finale eroico riescono a rimontare grazie agli acuti di Concas e di Vano, gigante ventisettenne al suo quinto spezzone stagionale (poco più di un’ora il suo minutaggio aggiornato ad oggi) e al primo gol in B. La situazione di classifica è ancora precaria, ma questa reazione è incoraggiante.

Cremonese-Livorno 1-0: un potente destro sotto misura di Brighenti permette ai lombardi di tornare alla vittoria dopo un mese e anche di andare a -1 dalla zona playoff. Positivo, dunque, l’esordio di Rastelli sulla panchina grigiorossa, mentre non si può dire lo stesso per il collega Breda, anche lui alla prima da tecnico dei toscani, che dovrà lavorare molto sulla testa dei suoi uomini per uscire dalla fase negativa che li costringe all’ultimo posto.

Salernitana-Spezia 1-0: ci pensa Bocalon in apertura di partita ad indirizzare il match sulla strada di Salerno e a regalare ai suoi il terzo posto momentaneo. I liguri, in dieci per tutta la ripresa a causa dell’espulsione di Bartolomei, colpiscono una traversa e si rendono insidiosi varie volte, ma non riescono a colpire e ora la loro situazione si fa precaria visto il tredicesimo posto e i soli due punti di vantaggio dalla zona playout.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana