Serie A, confronto classifica da dicembre 2019 alla stagione 2020-2021

La Serie A è ormai giunta alla tanto attesa pausa natalizia, anche se durerà solo per pochi giorni. Viene quasi spontaneo tirare un po’ le somme di tutto quello che il campionato italiano è stato e ha dato fino a questo punto, nonostante il periodo particolare per tutti.

Osservando la classifica dello scorso anno, nello stesso momento del campionato, ci si accorge subito come molte squadre, anche inattese sotto un certo punto di vista, abbiano avuto un notevole e sostanzioso miglioramento per quanto concerne i punti guadagnati, mentre altre, più attese, hanno clamorosamente deluso, fino ad ora, le aspettative. Esulando da giudizi che potrebbero essere fuorvianti, si procederà all’analisi dei meri dati matematici e statistici, cercando di mettere a confronto le due stagioni (l’attuale e la precedente) nel modo più oggettivo possibile, anche se quest’ultime sembrano appartenere a due epoche completamente differenti e lontane anche e soprattutto per l’impatto della pandemia.

Procedendo con il confronto, ci si accorge come il Milan abbia una differenza di ben 17 punti in più rispetto allo stesso momento della scorsa stagione, con 34 punti conquistati con gran merito ed il primo posto in classifica in solitaria. Nulla da dire alla squadra di Pioli, solo applausi.

 Altra sorpresa, forse anche più dei rossoneri, è il Sassuolo, un’ottima squadra costruita dal bravissimo tecnico Roberto De Zerbi, uno dei più in gamba in circolazione in questo momento, capace di costruire un collettivo competitivo, con una tecnica di gioco spumeggiante in grado di mettere in difficoltà chiunque. I neroverdi chiudono con un gratificante +7 rispetto alla scorsa stagione.

Anche il Napoli, può ritenersi soddisfatto, con un buon +5, figlio anche di un ottimo lavoro del tecnico Gattuso, nonostante le vicissitudini date dal tanto chiacchierato match con la Juve (che dovrà essere rigiocato). Sorridono anche Verona, Sampdoria e Udinese (rispettivamente +2, +5 e +1 in questo confronto).

Passando alle note dolenti, ci si rende subito conto come la Juve, la Lazio e l’Inter abbiamo invece un deficit di punti rispetto allo stesso momento della scorsa stagione. La Juve paga anche l’inesperienza complessiva del tecnico Andrea Pirlo, al suo esordio assoluto su una panchina che per di più è quella bianconera, sempre affamata di gloria e risultati (soprattutto in campo europeo).

La “vecchia signora” ha un gap di ben 12 punti (solo il Cagliari ha fatto peggio) rispetto la scorsa stagione, dimostrandosi incostante dal punto di vista delle prestazioni e dell’atteggiamento generale messo in campo.

La squadra di Antonio Conte, invece, ha un gap di 4 punti in classifica, persi soprattutto nel suo inizio di campionato poco incoraggiante, viste anche le prestazioni dei nerazzurri nel finale della scorsa stagione.

L’Inter è ora in forte ripresa ma questo gap, al momento parla chiaro. La squadra è mancata di cattiveria e grinta, non costante ed in balia di avversari quasi sempre alla sua portata.

Inter

Un errore da penna rossa poi è l’eliminazione ai gironi di Champions League, in un gruppo decisamente abbordabile. I nerazzurri ora non possono che puntare alla conquista del campionato, ma al momento la strada è ancora lunga e tortuosa.

La Lazio si ritrova a fare i conti con un -9 in classifica rispetto alla scorsa ottima stagione biancoceleste.

Un distacco che trova il suo maggior significato negli impegni in Champions, stancanti sotto tutti i punti di vista, per una squadra che ha comunque ben figurato nel palcoscenico europeo più prestigioso.

Nonostante i dissidi interni e gli impegni continentali, l’Atalanta riesce a contenere il gap di punteggio a soli tre punti, senza contare una partita da recuperare. Niente sorprese per i bergamaschi, solo buone conferme.

Momento negativo e poco prolifico anche per il Cagliari, la peggiore in assoluto, in questa particolare classifica, con una differenza di ben 14 punti. Periodo nero per i sardi che comunque, anche grazie alle sfortune altrui riescono a rimanere saldi in una zona di classifica sostanzialmente tranquilla.

Ecco la classifica completa delle differenze, in positivo ed in negativo rispetto lo stesso momento della stagione scorsa.

SquadraPunti
20-21
Punti
19-20
Diff.
Milan3417+17
Sassuolo2619+7
Sampdoria1712+5
Napoli25*20+5
Verona2018+2
Udinese15*14+1*
Bologna1516-1
Roma2728-1
Genoa1011-1
Fiorentina1416-2
Atalanta22*25-3*
Inter3337-4
Parma1218-6
Lazio2130-9
Torino817-9
Juventus24*36-12
Cagliari1428-14

* una gara in meno

Fonte immagine in copertina: profilo FB Serie A

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus