Roma – Udinese 3-1 : per i giallorossi match fin troppo facile, basta un tempo per far sua la posta in palio.

La Roma mantiene il ritmo delle squadre di testa, in attesa del Napoli impegnato con la Spal e della Juventus nel derby della Mole. Il team di Di Francesco ha ancora un match da recuperare con la Sampdoria, previsto per Gennaio prossimo.

In questo anticipo delle 15, la squadra giallorossa non ha avuto problemi e il punteggio finale è fin troppo striminzito per i padroni di casa. Sin dalle prime battute, con le incursioni di Perotti sulla destra e di un ispirato El Shaarawy sulla sinistra la difesa dell’Udinese si è dimostrata perforabile.

Anche nella zona centrale, la squadra friulana non è apparsa irreprensibile. Così da un’incursione di Nainggolan, grazie a qualche rimpallo fortunoso, è partito l’assist che ha permesso a Dzeko di trovarsi solo davanti a Bizzarri per l’1 a 0.

Azione di Dzeko per il primo goal della Roma

Lo stesso attaccante bosniaco avrebbe l’occasione per siglare il raddoppio in altre due circostanze, ma non sfrutta a dovere la sua vena realizzativa implacabile.

L’Udinese avrebbe in mano anche un’occasione per pareggiare l’incontro, ma Maxi Lopez non è in giornata, sprecando davanti ad Alisson.

La Roma ha in mano il pallino del gioco, fa girare la sfera sulla fasce, dove gli incontenibili Perotti, El Shaarawy, con la collaborazione preziosa di Kolarov, fanno impazzire rispettivamente Larsen e Samir.

Intorno alla mezz’ora, un altro tentativo dei giallorossi partito da Kolarov, impreziosito da Dzeko che, defilatosi sulla sinistra, in veste di assist-man, serve un pallone al centro dell’area per l’accorrente El Shaarawy. Il calciatore italo-egiziano non deve far altro che spingere il pallone d’esterno destro verso la porta scavalcando Bizzarri.

 

 

La rete del tre a zero, siglata ancora da El Shaarawy (prima doppietta in stagione per lui), grazie al vistoso errore di Larsen indeciso nel rilanciare la sfera, ha chiuso di fatto la partita in un solo tempo.

 

Esultanza di El Shaarawy per il terzo goal della Roma

Il calcio di rigore, procuratosi e calciato inopinatamente dallo stesso Perotti sul palo dallo stesso Perotti e la marcatura di Larsenn, scattato in posizione regolare dietro la difesa giallorossa, servono solo per il tabellino finale.

Si sta cominciando a vedere sempre più il gioco di Di Francesco, con un pressing sulla metà-campo avversaria, il gioco allargato sulla fasce per procurare numerosi cross al centro, a sfruttare la qualità nel gioco aereo di Dzeko.

Ora testa al Garabag, per cercare di ottenere quei tre punti vitali per rimanere in corsa in un girone di ferro con Atletico e Chelsea.

L’Udinese di Del Neri non è pervenuta. Spiace per la squadra friulana, ma la crisi tecnica e di gioco in atto, non aiuta l’allenatore. Il team ha subito 13 goal in queste prime sei partite, una media di più di due goal ad incontro. Dovrà cambiare registro, se non vuole finire presto in zona retrocessione.  

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega