Roma-Torino 1-1, voti e pagelle: “Dybala è incantevole, ma il resto della squadra non va”

Finisce in parità l’ultimo match del 2022 dei giallorossi e dei granata.

Roma e Torino salutano il 2022 dividendosi la posta in palio in una partita perfettamente equilibrata.

Entrambe le squadre mostrano il proprio atteggiamento conservativo e difensivista annullandosi e dando vita a un primo tempo sicuramente non troppo divertente ma di grande agonismo.

Non basta l’Olimpico per accendere la luce a una Roma che dopo il derby perso appare spenta, eppure basta poco più di un quarto d’ora a Paulo Dybala per mostrare quanto importante può essere in questa squadra.

Il Torino sfoggia una prestazione di gruppo e di grande sacrificio. La squadra di Juric, dopo il gol di Linetty, dimostra di poter controllare il gioco e si rende pericolosa anche altre volte.

La Roma, con una fase offensiva nuovamente disinnescata, trova nuova linfa grazie a Dybala che ha illuminato i giallorossi con giocate da autentico fuoriclasse.

La Joya è decisiva per il pareggio: prima si procura un calcio di rigore, poi propizia il gol di Matic del pareggio.

La Roma non può essere soddisfatta della prestazione, ma esce dall’Olimpico con un punto; il Torino gioca una buona partita e si rammarica per il gol subito allo scadere.

Le pagelle della Roma

Rui Patricio 6: Non può nulla sul gol di Linetty ma non è impegnato in maniera continuativa. Il Torino tira poco.

Mancini 5,5: Trova grandi difficoltà nel marcare un giocatore come Vlasic, nonostante giochi a sprazzi. Sfiora anche il gol, ma in difesa balla troppo.

Smalling 6: Inspiegabile la sua mancata convocazione nella Nazionale inglese. Si può “consolare” con la consapevolezza di essere stato il baluardo del 2022 giallorosso. Per quanto riguarda la prestazione, non fa errori particolari.

Ibanez 5,5: Singo è praticamente imprendibile per lui. Peccato, perché nel primo tempo è sembrato più equilibrato e coraggioso.

Celik 6: Ci mette voglia e questo basta per essere uno dei migliori in campo. Meglio in fase offensiva, che in quella difensiva.

Cristante 5,5: Altra prestazione al di sotto delle aspettative nonostante provi a ravvivare emotivamente la sua squadra. Sono troppi gli errori in fase d’appoggio ed è evidente che sia in debito d’ossigeno. Lo si vede soprattutto in fase difensiva dove è fin troppo leggero e facile da superare. (Dal 69′ Tahirovic 6: Entra in un match difficile, ma mostra personalità).

Camara 6: Uno dei giocatori più volenterosi e agonistici di una Roma spenta. Non è sempre preciso ma ci mette tanta buona volontà, forse non andava sostituito. (Dal 54′ Matic 7: Al suo ingresso, aveva sbagliato praticamente quasi tutti i passaggi a sua disposizione, poi, allo scadere, trova il coniglio dal cilindro per il pareggio della Roma. E questo basta per renderlo uno dei migliori in campo).

Zalewski 5,5: Impreciso e poco risolutivo. Sbatte il più delle volte sul muro eretto dal Torino. Non è una gran partita per il giovane esterno che, a sua discolpa, non è neanche aiutato troppo dai compagni. (Dal 70′ Dybala 7,5: Incantevole. Torna in campo dopo l’infortunio e mostra perché Mourinho ha più volte invocato il suo nome nelle giornate difficili senza la Joya. Entra in campo e disegna calcio, tira, dribbla, si procura un rigore e propizia, con un tiro a giro spettacolare che sbatte sull’incrocio, il gol del pareggio).

Volpato 5,5: Primo tempo complicato per il talentino giallorosso. In un match bloccato, non riesce ad accendersi e fatica spesso a trovare spazi contro la difesa schierata del Torino. (Dal 46′ El Shaarawy 6: Si rende utile. Prova a scuotere una squadra fin troppo spenta con qualche buona giocata).

Zaniolo 5,5: Come spesso accade, inizia con buon piglio, poi si innervosisce e sparisce dal match. Non riesce a incidere.

Abraham 5: Sembrava rinato contro il Sassuolo, invece oggi ha dimostrato che c’è ancora tantissima strada da fare per rivedere il vero Tammy. Viene totalmente cancellato dalla difesa granata. Non tira praticamente mai. (Dal 71′ Belotti 5: E’ entrato con voglia e con foga nonostante non riesca a impensierire la porta della sua ex squadra. Ha la possibilità di sbloccarsi con un rigore… lo sbaglia mandandolo sul palo).

Josè Mourinho 5,5: E’ evidente che debba ringraziare Dybala. La squadra non gioca bene in questa circostanza e si lascia disinnescare facilmente dalla tattica del Torino. Fin troppo prevedibile la sua Roma, finché, al 70°, non entra la Joya.

Le pagelle del Torino

Milinkovic-Savic 6: Poco lavoro da fare nel primo tempo. Sul rigore ringrazia il palo, sul gol subito, invece, non può nulla.

Djidji 5,5: Una buona partita macchiata dal fallo, da rigore, su Dybala. Nonostante il rigore sbagliato, quell’episodio ridona forza alla Roma e rende meno sicura la linea difensiva del Toro.

Zima 6: Prestazione concreta e di buona fattura nonostante la caratura degli avversari.

Buongiorno 6: Esce dal campo più per l’ammonizione che per demeriti. Finché era in campo, Abraham non crea alcun problema e si dimostra utile anche nell’arginare i possibili inserimenti dei calciatori giallorossi. (Dal 51′ Rodriguez 6: Prosegue il lavoro del compagno. Buon ingresso).

Lazaro 6: Ispirato, forse non sempre preciso ma molto utile. Spinge bene in fase d’attacco.

Linetty 6,5: Una buona partita, si trasforma in una giornata da ricordare quando al 55′ trova il tempo giusto per beffare la statica difesa della Roma e infilare di testa il gol dell’1-0. Sempre molto concreto nelle sue giocate.

Ricci 6: Un buonissimo equilibratore e oggi lo dimostra. Partita concreta e senza errori. E’ protagonista di un episodio nel quale la Roma chiede rigore, ma è giusto non assegnarlo.

Vojvoda 5: Dura mezz’ora la partita dell’esterno designato da Juric. L’impressione è che la sua uscita dal campo sia avvenuta per scelta tecnica dopo qualche giocata sbagliata di troppo. (Dal 30′ Singo 7: Se l’atteggiamento di Vojvoda non ha soddisfatto Juric, quello di Singo deve averlo esaltato. Entra in campo già al 30° e si rende autore dell’assist che sblocca la partita. Un pericolo costante sulla destra).

Miranchuk 6,5: Fattore importante per i granata. Ispira, inventa, gioca bene e mette paura alla difesa della Roma. Tiene alta la linea con grande qualità e sapienza (Dal 79′ Adopo SV)

Vlasic 6: Primo tempo un po’ in sordina, ma si ravviva nella ripresa. Conferma di essere un giocatore di grande qualità, nonché grande ispiratore di manovra.

Sanabria 6: Ha una buonissima opportunità nel secondo tempo, ma spara alto. Non è una partita indimenticabile per lui, ma ci mette grande sostanza e aiuta spesso i compagni in fase difensiva. (Dall’80’ Radonjic SV)

Ivan Juric 6: Il Torino gioca una buona partita, specie dal punto di vista tattico, però si fa beffare negli ultimi 20 minuti mostrando una leggerezza non consona all’agonismo richiesto dal mister. Ha pagato, forse, la troppa stanchezza ma chiude un buon 2022.