Roma, scoppia il caso Florenzi: non considerato da Fonseca, addio possibile?

Il mancato utilizzo di Alessandro Florenzi sta diventando sempre di più un caso dalle parti di Roma. Il duttile terzino romano continua infatti ad essere ignorato dal suo allenatore che anche contro il Parma lo tiene in panchina. 

Quello sta succedendo a Trigoria ha davvero dell’incredibile dove Paulo Fonseca, tecnico della Roma, sembra avere delle grandi riserve nei confronti di un giocatore che, sulla sponda giallorossa della città, ha sempre dato anima e corpo.

Da fiore all’occhiello della società, il povero Florenzi ha avuto, non certo per colpa sua, un’involuzione alquanto drastica che lo porta ora ad occupare lo scomodo ruolo di panchinaro senza alcuna possibilità di dare un contributo alla sua squadra.

In un momento di emergenza a centrocampo così evidente, in cui la Roma sta giocando coi soli Pastore e Veretout a disposizione, il tecnico portoghese sembra non aver mai pensato all’idea di schierare lo stesso Florenzi come esterno di centrocampo.

A Roma Florenzi diventa un caso

Ruolo che il classe ’91 ha spesso ricoperto negli anni, e con grande successo bisogna anche aggiungere, ma che evidentemente non convince più di tanto l’ex tecnico dello Shakhtar Donetsk.

Anche ieri contro il Parma (sconfitta per 2-0) è arrivata quindi l’ennesima delusione per Florenzi, che in seguito all’infortunio di Spinazzola, si è visto preferire Santon come sostituto dell’ex Juventus.

Settima panchina in altrettante partite e situazione che inizia a diventare sempre più tesa sulla riva giallorossa del Tevere dove inizia a circolare anche la voce secondo cui il terzino, convocato in Nazionale da Mancini in vista degli impegni contro Bosnia e Armenia, potrebbe lasciare la capitale già nel mercato di gennaio per approdare, magari, all’Inter di quell’Antonio Conte, sotto la cui guida, Florenzi molto bene ha fatto con la maglia dell’Italia addosso.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
"Non è tanto chi sei, quanto quello che fai che ti qualifica". Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Basilicata. Laureato in Lettere Moderne. Amo la scrittura, la fotografia e il calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi