Roma-Parma 3-0, le pagelle: Mayoral taglia e cuce, Miki raccoglie. Villar, il giovane vecchio

Giallorossi straripanti: il centravanti spagnolo sblocca la gara con un’azione da bomber, poi confeziona l’assist per l’armeno. Il centrocampista gestisce il traffico in mezzo al campo. Bene le corsie laterali, a destra soprattutto. E Friedkin vince il “derby” a stelle e strisce

La Roma riprende la strada intrapresa prima della sosta. I giallorossi archiviano con un secco 3-0 la pratica Parma. Data l’assenza di Smalling (intossicazione alimentare), a guidare la difesa è Cristante che a centrocampo lascia posto a Villar, al debutto da titolare all’Olimpico. Sulla destra c’è Karsdrop, mentre davanti spazio a Mayoral al posto di Dzeko, ancora alle prese col Covid.

Dopo le occasioni non sfruttate da Veretout e Mkhitaryan, la Roma passa in vantaggio con Mayoral. Con un no-look Spinazzola serve il centravanti spagnolo, bravo a tagliare lo spazio nella retroguardia parmense e a toccare alle spalle di Sepe.

L’ex Real Madrid – degno sostituto di Dzeko – si rende protagonista poco dopo con la sponda per il gran tiro da fuori di Mkhitaryan. L’armeno, poi, firma anche la doppietta. Dalla destra, Karsdrop lascia partire in area un cross teso e preciso che trova il piede di Miki pronto a ribadire a rete. In difesa i giallorossi non soffrono, dacché gli unici tentativi (tutti con Gervinho, con Mirante ex di giornata) della formazione di Liverani di scalfire la retroguardia giallorossa sono in fuorigioco.

Nella ripresa la Roma, forse volutamente in vista dell’impegno di Europa League contro il Cluj, non affonda il piede sull’acceleratore. Nonostante questo, però, la maggior qualità porta la formazione di Fonseca più volte vicina a calare il poker.

Pedro ha due occasioni, ma lo spagnolo pecca di leggerezza: davanti a Sepe il tocco di tacco è moscio, mentre alla mezz’ora della ripresa non trova il giusto tempo per impattare l’ennesimo preciso assist di Karsdrop. Mkhitaryan, infine, a tu per tu con Sepe spara addosso all’estremo difensore.

Le tre reti portano la Roma sale al secondo a pari punti col Milan che nel posticipo sfiderà il Napoli al San Paolo. La vittoria (2-0) del Sassuolo contro il Verona porta i neroverdi al primo posto.

LE PAGELLE

PAGELLE NAPOLI

Meret 6 – Primo tempo di relax, nella ripresa si fa vedere su Dzeko.

Di Lorenzo 6,5 – Nella prima mezz’ora si fa vedere solamente per l’interno su Mhkitarian. A dispetto dell’approccio cauto in fase offensiva, si ritaglia un posto da co-protagonista nell’azione del 3-0. Puntuale.

Manolas 7 – Contro l’ex squadra, innalza un muro che blocca i minimi accenni offensivi giallorossi. Muro.

Koulibaly 7 – Dzeko questa volta non è l’avversario ostico di sempre. Si può occupare quindi più della regia difensiva, dalla quale fa partire diversi lanci lunghi e precisi. Colosso.

Mario Rui 6,5 – Anche lui ex di turno, alterna la sciabola al fioretto, come il tocco di tacco sull’azione del 2-0. Bene anche in difesa. Affidabile.

Demme 7 – Con calma gestisce il traffico davanti alla difesa. Sembra essere tornato alle prime gare con la maglia azzurra. (Dal 84′ Lobotka SV – )

Ruiz 6,5 – Assistente dell’italo tedesco, sbaglia qualche passaggio di troppo. Non sbaglia però il bel tiro che vale il raddoppio.

Lozano 6,5 – Più di qualche volta manda in confusione Spinazzola prima e, in maniera minore, Karsdrop poi. Getta in aria la possibilità la chance del 2-0 ad inizio ripresa.

Zielinski 6,5 – Meglio in fase di rifinitura che quando c’è da concludere, dove si presenta con fiacchezza. Rifinitore. (Dal 78′ Elmas 6 – Da un suo tiro nasce il gol di Mertens).

Insigne 7,5 – Rende omaggio a Diego nel migliore dei modi pennellando la punizione del vantaggio. Potrebbe bastare questo, ma Lorenzo aggiunge anche l’assist del 2-0. Capitano.

Mertens 6,5 – C’è poco da fare: vede giallorosso e segna. Soffre il duello fisico con Cristante, riuscendo comunque a trovare la rete. (Dall’83’ Petagna – SV)

Gattuso 7 – Le parole di settimana scorsa hanno fatto breccia sui giocatori. Tra diagonali, pressing ed inserimenti tira fuori un gioiellino di gara, soprattutto nel primo tempo. Comandante, vero.

PAGELLE ROMA

Mirante 6 – Lo si vede prettamente quando esce dall’area per anticipare Gervinho, l’altro ex di turno. Per il resto della gara non è chiamato ad effettuare grandi interventi.

Mancini 6,5 – Rischiava di dover forfait per un problema all’intervallo, alla fine stringe i denti e scende in campo. Non si fa trovare impreparato ad inizio ripresa quando chiude su Inglese.

Cristante 6,5 – Schierato centrale di difesa a causa dell’assenza di Smalling, guida la retroguardia con attenzione e calma.

Ibanez 6,5 – Attento quando chiamato in causa. A fine primo tempo si fa anche vedere in avanti. Esce all’inizio del secondo tempo per una noia muscolare. (Dal 53′ Juan Jesus s.v. – Trova il campo per la quarta volta, la prima in campionato).

Karsdrop 6,5 – Bravo ad occupare sempre lo spazio sulla destra, non viene servito dai compagni con la giusta frequenza. Quando viene trovato, però, mette in area un gioiellino che serve a Mkhitaryan per la doppietta che vale il 3-0. Nella ripresa mette altri cross precisi, come quello per Pedro che però non ci arriva. Sempre più in crescita.

Villar 6 – Gestisce il centrocampo con una calma, esperienza e tecnica rara da trovare in un giovane della sua età. Preciso in fase di impostazione come in quella difensiva. Ha i tempi giusti e non ha paura di azzardare. Piccolo professore.

Veretout 6,5 – Non approfitta della palla gol che arriva sui suoi piedi ad inizio gara. Prosegue facendosi vedere ovunque, come al solito. Costante.

Spinazzola 6,5 – Come da tradizione la manovra offensiva passa da lui. Mette diversi palloni in area, che però non trovano nessuno a raccogliergli. Serve l’assist con il contagiri per il vantaggio.

Mkhitaryan 7 – Da posizione invitante non trova lo specchio della porta ad inizio gara. Lo trova però firmando il raddoppio con un eccezionale tiro da fuori. Sigla la doppietta spingendo in rete il perfetto assist di Karsdrop. Imprescindibile.

Pedro 6,5 – Quando il gioco ha bisogno di un’illuminazione si passa da lui, anche se è meno brillante del solito. Prova a calare il poker ad inizio ripresa, ma il tacco davanti alla porta è troppo leggero. Manca l’appuntamento con il gol alla mezz’ora della ripresa, quando viene cercato da Karsdrop con un altro cross preciso.

Mayoral 7 – Sigla il vantaggio prima con un taglio che elude la difesa e poi con un tocco vellutato. Dopo il lavoro di sponda non sfruttato da Veretout, confeziona anche l’assist per lo strepitoso vantaggio di Mkhitaryan. (Dal 65′ Carles Perez s.v. – Quarta presenza in campionato, non la impreziosisce come contro il Benevento).

All: Fonseca 7 – Il Parma non rappresentava il più grande degli ostacoli, ma la Roma gira che è una meraviglia. Il primo tempo si è visto come i meccanismi chiesti dal tecnico portoghese siano stati assorbiti dalla squadra, che gioca quasi a memoria.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili