Roma, eliminazione e storia: Schick primo quarto cambio in Champions League contro il Porto

Porto-Roma sarà una partita difficile da dimenticare per i giallorossi che hanno dovuto concludere anzitempo l’avventura in Champions (anche) per colpa di un rigore dubbio non concesso o, quantomeno, non approfondito.

È stata comunque una partita infinita, eroica, dantesca- come detto dai telecronisti di Sky- e che passerà alla storia. Si, perché per la prima volta nella storia della Champions League abbiamo assistito ad una novità che si rivelerà indispensabile nei match a scontro diretto: la quarta sostituzione.

Siamo al 96’ quando è appena iniziato il primo tempo supplementare e Di Francesco ha esaurito i cambi,  Pellegrini si fa male ed è costretto ad uscire.  Al suo posto entra Patrik Schick, futuro protagonista suo malgrado della mancata qualificazione. 

Il quarto cambio

La nuova regola , dopo essere stata accolta dai CT delle nazionali impegnate nell’ultimo mondiale, è stata sperimentata dalla FIFA proprio ai Mondiali di Russia e successivamente nel Mondiale per club. Prevede, solamente in caso di supplementari, la possibilità di avere a disposizione un’ulteriore sostituzione.

Il primo “quarto sostituto” nella storia è stato il russo Aleksandr Erokhin, subentrato a Daler Kuzyaev durante Russia-Spagna.

 

Il mancato primatista

Prima dell’ingresso in campo dell’attaccante ceco, Conceição aveva mandato dentro Hernani che però non entrerà nella storia della Champions. Perché? Era soltanto il terzo cambio per i lusitani.

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Roberto Gentili

Informazioni sull'autore
Cresciuto a pane, calcio e sport.
Tutti i post di Roberto Gentili