Ranadivé in trattativa con RedBird per investire nel Milan

Jerry Cardinale è il capo di un fondo chiamato RedBird (Uccello Rosso) e i soldi di questo fondo non sono suoi, ma di investitori che di lui si fidano. Egli investe e da questo lavoro guadagna milioni. Dall’investimento di capitali non suoi ricava fior di commissioni.

Il suo patrimonio, dunque, per quanto vasto, non è certo quello degli sceicchi e pertanto deve associarsi ad altri per completare l’acquisizione del club rossonero; e un possibile socio sarebbe spuntato.

Si chiama Vivek Ranadivé ed è il magnate indiano che possiede i Sacramento Kings, franchigia NBA non esattamente tra le più vincenti, ma portata in una decina di anni ad un valore superiore quattro volte a quello per il quale fu acquistata (da 500 milioni a 2 miliardi circa).

Prima di acquisire la squadra Ranadivé era co-propietario dei Golden State Warriors, divenuti negli ultimi anni una superpotenza e, curiosamente, californiani come i Kings.

Lasciando perdere il basket, su cui chi scrive è poco informato, andiamo a conoscere meglio Ranadivé, uomo arrivato negli USA con pochi soldi in tasca e divenuto, com determinazione, un’autorità nel campo dei software. Poco tempo fa aveva provato ad acquistare il Chelsea ed ora rieccolo come investitore nel Milan. Sarà un socio di Cardinale, almeno all’inizio, ma poi?

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana