Qualifiche GP Emilia Romagna 2020: Dichiarazioni dei primi tre

Sono appena terminate le qualifiche del Gran Premio dell’Emilia Romagna 2020. Bagnaia è stato beffato perchè il suo giro veloce, che sarebbe stato il migliore di tutti, è stato eliminato. Buon per Maverick Vinales,che diventa a sirpresa il poleman di Misano 2 ma anche per Jack Miller, secondo e Fabio Quartararo terzo.

Maverick Vinales è poleman a sorpresa. Fonte: Pinterest

Qualifiche dell’Emilia Romagna: Viñales

L’eliminazione del fastest lap di Bagnaia ha portato una ghiotta pole position a Maverick Viñales. Vediamo cosa ne pensa il pilota spagnolo.

“Abbiamo fatto un passo in avanti importante, anche se è la gara quella che conta. La squadra ha lavorato bene venerdì, siamo migliorati rispetto alla gara scorsa – ha dichiarato Maverick-. Dobbiamo spingere fin dall’inizio, proprio per verificare che queste modifiche funzionino. Non ho fatto un giro perfetto ma l’importante è la gara” .

Lo spagnolo è tornato su domenica scorsa, dichiarando che il problema è stata la scelta delle gomme. I suoi occhi, però, sono puntati sulla gara di domani: “

Se parto davanti e sono primo, sono in una situazione di comfort nettamente migliore . Noi non dobbiamo entrare in battaglia, ma provare a essere primi e andare via. Gomme? A me piace molto hard-medium, ma anche con entrambe le medie mi trovo bene e posso spingere un po’ di più”. 

Jack Miller: “Prima fila? Felicissimo”

Passiamo ora a Jack Miller. Il pilota della Ducati Pramac ha mostrato un gran sorriso all’idea di poter partire dalla prima fila, ammettendo di essere stato anche baciato dalla fortuna.

Sono stato abbastanza fortunato ad essere sincero. Ho cercato di chiudere il margine, ma nel primo giro veloce ho avuto dei problemi. Quando davo gas perdevo l’anteriore. Io ho dato il massimo, ma sono stati dei giri spaventosi, seppur divertenti. Sono felice della prima fila“.

Quartararo: “Devo imparare ad usare l’holeshot”

Fabio Quartararo ha iniziato questa stagione 2020 alla grande. Tuttavia il francese classe 1999 ha ancora tanto da imparare. Infatti, in questa occasione il giovane ha ammesso di dover migliorare nell’uso dell’ holeshot come la scorsa domenica.

Non è certo stata eccezionale (la gara di domenica scorsa, ndr) ma ne ho fatte di peggiori. Il sistema di partenza (holeshot) è così sensibile che bisogna essere molto precisi per fare una partenza perfetta. E’ difficile per me ottenere il punto perfetto per avere una costanza nelle partenze. Non sono andato così male nelle prove di partenza che ho fatto in questi giorni, per cui spero di partire bene nella gara di domani. A livello di gomme vedo tanti piloti che hanno un buon ritmo, le gomme decadono di meno e questo ti porta a spingere e a rischiare di cadere, proprio come è successo a me domenica scorsa”.

Che gara si aspetta il transalpino? Per Quartararo la parola chiave domani sarà equilibrio. “Nei test siamo riusciti a fare più di 100 giri e abbiamo potuto imparare tante cose. Ho capito il limite di alcune curve, fino a che punto si può spingere, come frenare. Ho migliorato il secondo settore, che per me era negativo. Continuo invece a soffrire nel quarto settore e dobbiamo trovare una soluzione. Cercheremo di prepararci bene nel warm up”.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Silvia Giorgi

Informazioni sull'autore
Classe 1990, mi sono laureata in Lingue a Bari (ne parlo 4) e appassionata di sport da sempre (ho fatto equitazione per un bel po'). Sin da bambina ho sempre avuto il sogno di diventare una giornalista sportiva. Gli sport che amo di più sono equitazione, pattinaggio su ghiaccio e il motorsport a 360 gradi. Il mio preferito? La Formula 1, ovviamente.
Tutti i post di Silvia Giorgi