Qualificazioni Europei 2020, risultati 5° giornata: l’Olanda vince in rimonta, la Russia idem. Austria, Croazia e Belgio di prepotenza

Cipro-Kazakistan 1-1: i kazaki sprecano l’occasione di agganciare e mettere pressione alla Russia seconda in classifica e ora rischiano anche di perdere la terza piazza. Shchetkin realizza subito il gol del vantaggio per gli ospiti, ma i ciprioti pareggiano a fine primo tempo con Sotiriou e alla fine strappano agli avversari un punto meritato anche se poco funzionale ad una classifica comunque deficitaria.

Estonia-Bielorussia 1-2: i bielorussi conquistano il primo successo del loro cammino lasciando i baltici sul fondo della classifica senza lo straccio di un punto. Il match si sblocca ad inizio ripresa con Naumov, immediatamente ripreso da Sorga. In pieno recupero il nuovo entrato Skavysh consegna il match agli ospiti.

Austria-Lettonia 6-0: secondo posto conquistato da parte della selezione di ct Foda, che si sbarazza dei deboli avversari grazie ad Arnautovic (doppietta), Sabitzer, Gregoritsch, Steinbors (autogol) e Laimer.

Galles-Azerbaigian 2-1: vittoria in extremis dei britannici sugli azeri che pareggiano l’autorete di Pashaev con Emreli, ma subiscono a pochi minuti dal termine il gol decisivo di Bale. Il Galles sale così a quota 6 punti mantenendosi in piena corsa per la qualificazione.

Germania-Olanda 2-4: la partita è bellissima come quella dell’andata e vede gli Orange imporsi in rimonta e mettere a posto una classifica che, in caso di mancato successo, sarebbe stata complicata. I tedeschi, invece, mancano l’aggancio all’Irlanda del Nord, che resta prima a +3 e può addirittura sognare l’allungo nello scontro diretto. Andati in vantaggio con Gnabry ad inizio match, i tedeschi provano a raddoppiare approfittando delle dormite difensive avversarie, ma manca sempre cattiveria. Nella ripresa l’Olanda si sveglia va avanti con De Jong e Tah (autogol) per poi subire il 2-2 da Kroos (rigore dubbio). A dieci minuti dal termine, però, si sveglia Wijnaldum: il centrocampista del Liverpool prima manda in gol Malen e poi  si incarica del punto del definitivo 4-2 che, cosa da non trascurare, regala ai suoi il vantaggio negli scontri diretti qualora arrivassero a pari punti con i tedeschi.

San Marino-Belgio 0-4: i sammarinesi tengono duro finché possono, ma alla fine del primo tempo i belgi passano con Batshuayi su rigore. Nella ripresa Mertens e Chadli chiudono il discorso e ancora Batshuayi arrotonda il risultato nel finale. Il Belgio resta così primo da solo a punteggio pieno.

Scozia-Russia 1-2: Dzyuba e un autogol di O’Donnell ribaltano l’iniziale vantaggio scozzese firmato da McGinn e così i russi mantengono il secondo posto in solitaria allungando sulle inseguitrici.

Slovacchia-Croazia 0-4: i balcanici travolgono i padroni di casa con Vlasic, Perisic, Petkovic e Lovren e agganciano in vetta l’Ungheria (ancora avanti in virtù dello scontro diretto vinto) a quota 9 punti.

Slovenia-Polonia 2-0: Struna e Sporar piegano a sorpresa i polacchi e proiettano gli sloveni al terzo posto a -1 dall’Austria.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana