Premier League, recupero 28° giornata: Arsenal-Manchester City: Guardiola a -5 dalla vittoria

Il Manchester City rifila un nuovo 3-0 all’Arsenal e si porta a +16 dai concittadini guidati da Mourinho. Agli uomini di Guardiola bastano adesso solo cinque successi nelle prossime dieci partite per essere incoronati Campioni d’Inghilterra. Ai Gunners è girato tutto male, dalla prova pessima dei difensori al rigore sbagliato da Aubameyang ad inizio ripresa, e la Champions è sempre più lontana.

Aguero e soci non iniziano in maniera veemente ed è l’Arsenal a rendersi pericoloso per primo: Mkhitaryan serve Ramsey, il cui cross in mezzo viene deviato da Kompany in maniera rischiosa, ma efficace. Al 14° minuto, tuttavia, la grande qualità dei Citizens si materializza in tutta la sua bellezza: Sané mette la freccia, supera due avversari, si accentra e serve Bernardo Silva, che entra in area e batte Cech con uno splendido tiro all’incrocio. Meno di un quarto d’ora dopo, Sané fa ammattire ancora gli avversari, si lancia sulla fascia sinistra e serve Aguero, che nota l’inserimento di David Silva e lo premia con un assist che lo spagnolo, dopo aver raggirato Bellerin con una finta, scaraventa in rete.

L’Arsenal non si riprende dallo shock e al 33° minuto subisce anche il terzo gol ad opera di Sané: Aguero lancia Walker, che scappa sulla destra e serve il numero 19, che appoggia in rete da pochi passi. Il primo tempo termina con un miracolo di Cech, che al 40° evita il quarto gol togliendo dalla porta un potente diagonale di Aguero; le due squadre tornano negli spogliatoi tra fischi e neve.

La ripresa si apre con un fallo in area di Otamendi su MkhitaryanMarriner concede il rigore, ma Ederson ipnotizza Aubameyang e respinge il suo tentativo con un gran balzo. La partita finisce praticamente qua, poiché i Citizens non premono più e i Gunners non riescono a reagire. La seconda ed ultima occasione della ripresa è un tentativo di Aguero al 78°, ma il suo diagonale viene respinto da Cech. Wenger avrà molto da pensare in vista del finale di stagione e, soprattutto, dell’Europa League. Guardiola, invece, sempre più primo e con i quarti di Champions League già in tasca, può godersi il momento e pensare al match di domenica contro il Chelsea, la prima delle cinque sfide da vincere per ottenere il titolo nazionale.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana