NBA Playoff 2018, recap 28 aprile: Celtics si aggiudica Gara7 contro i Bucks. Warriors in scioltezza

Il match più atteso della notte NBA si è disputato al TD Garden di Boston, con Gara-7 tra Celtics e Milwaukee Bucks, per decidere chi sfiderà i Sixers in Semifinale di Conference. Sono i padroni di casa a piazzare il primo allungo, con un deciso 2-20 negli ultimi 5′ circa del primo periodo, per il 17-30 al 12′. Nel secondo periodo, prima Milwaukee si rifà sotto (30-32 dopo 3’13” di gioco), poi Boston riallunga (36-48 a 3’17” dalla sirena). Al 24′, la squadra allenata da coach Stevens guida 42-50. Ma la sfortuna è sempre lì, insieme ai Celtics, che perdono anche Jaylen Brown, per uno stiramento al quadricipite femorale della gamba destra (ma ci sono speranze per Gara-1 del prossimo turno).

Coach Brad Stevens (in foto) si è confermato ancora una volta l’uomo in più per i Boston Celtics, che si sono qualificati per le Eastern Conference Semi-Finals, dopo aver battuto in Gara-7 i Milwaukee Bucks (foto da: youtube.com)

Gli ospiti partono bene al ritorno sul parquet, toccando più di una volta il -3. Ma i Celtics respingono ogni tentativo di rimonta della squadra di coach Prunty e volano via nuovamente, con un +16 ad 1’04” dall’ultima pausa (65-81) ed un +14 al 36′ (67-81). Nel quarto periodo, Milwaukee non ha la forza per riaprire la partita; anzi, il gap si allarga fino ad un massimo di +19 (82-101 a 5’19” dal termine), con i padroni di casa che non hanno poi difficoltà a chiuderla sul 96-112. In una serata comunque non facile, sono stati i vari Horford (26+8 rimbalzi), Rozier (26+9 assist e 6 rimbalzi) e Tatum (20+6 rimbalzi) a prendere per mano i compagni. Ai delusi Bucks non sono bastati Middleton (32), Bledsoe (23) ed Antetokounmpo (22+9 rimbalzi).

Dall’altra parte degli Stati Uniti, alla Oracle Arena di Oakland, sono partite le Western Conference Semi-Finals, con Gara-1 tra Golden State Warriors, ancora senza Stephen Curry, e New Orleans Pelicans. Ebbene, almeno questo primo atto ha rappresentato un duro risveglio per i ragazzi di coach Gentry, letteralmente rullati dai Campioni in carica. Dopo un primo quarto equilibrato e nel quale sono stati gli attacchi a farla da padrone (34-35), Golden State ha da una parte stritolato con la propria difesa le manovre offensive dei Pelicans, mentre dall’altra ha dato spettacolo in attacco, producendo un parziale di 2-25 in poco meno di 7′, portandosi a 50″ dalla pausa lunga su un eloquente +28 (48-76), per poi concludere il primo tempo sul +21 (55-76).

Senza storia Gara-1 della serie tra New Orleans Pelicans e Golden State Warriors, con i californiani che hanno avuto facilmente la meglio sugli avversari (foto da: youtube.com)

Nel secondo tempo, ai ragazzi di coach Kerr è bastato in pratica controllare, tenendo strette le maglie in difesa e concedendo agli ospiti appena 74 punti in tre quarti, con il terzo periodo concluso sul 74-103. Il quarto conclusivo è stato nulla più di un garbage time, con gli Warriors che hanno concluso il loro sforzo con un rotondo 101-123. In grande evidenza Draymond Green, autore di una tripla doppia (16+15 rimbalzi ed 11 assist), supportato dai soliti Durant (26+13 rimbalzi) e Thompson (27+6 rimbalzi). Da rimarcare anche la prestazione in uscita dalla panchina di Looney (3+6 rimbalzi e 3 assist), con un plus/minus di +34. Anthony Davis (21+10 rimbalzi) è stato il meno peggio per New Orleans.

Di seguito, il riepilogo della notte:

WESTERN CONFERENCE SEMI-FINALS

NEW ORLEANS PELICANS @ GOLDEN STATE WARRIORS 101-123 (0-1)

EASTERN CONFERENCE FIRST ROUND

MILWAUKEE BUCKS @ BOSTON CELTICS 96-112 (3-4)**

*Tra parentesi, la situazione delle varie serie.

**Boston si aggiudica la serie e passa alle Semifinali di Conference.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo