NBA Playoff 2017, risultati 6 Maggio: i Jazz lottano, ma i Warriors si portano sul 3-0

Un solo match in programma nella notte. Alla Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City, va in scena il terzo atto della serie tra Utah Jazz e Golden State Warriors. I padroni di casa, con la spinta del pubblico amico, provano a riaprire il discorso; dall’altro lato, i californiani vogliono mettere una seria ipoteca sul passaggio alle Conference Finals.

Kevin Durant, contrastato da Rudy Gobert. Il #35 di GSW è tornato ai suoi livelli, con una doppia da 38+13 rimbalzi (foto da: fansided.com)

Dopo un avvio equilibrato e con pochi tiri realizzati da entrambe le squadre, sono i Warriors a provare il primo allungo, chiudendo il primo periodo sul 27-17. Gli ospiti toccano il +11 a 9’17” dalla seconda sirena (31-20), poi comincia la rimonta di Utah. A 4’00” dalla pausa lunga, Mack firma il -1 (39-38); a 1’00” dalla fine del primo tempo Hood, da tre, piazza il sorpasso (47-48, primo vantaggio dei Jazz in tutta la serie). Al 24′, Utah comanda 49-50.

Alla ripresa delle ostilità, Utah sembra cavalcare l’onda, portandosi fino al +9 a 7’28” dall’ultima pausa (53-62). La reazione dei Figli della Baia è immediata, producendo un 14-4 di parziale che vale il 67-66 a 2’35” dalla sirena. Al 36′, Golden State conduce 72-70. Nel quarto periodo la sfida si mantiene equilibrata e praticamente punto a punto fino a 3’56” dalla fine, quando tre liberi di Hayward valgono l’86-84. Subito dopo, però, i Warriors rifilano un parziale di 11-2 ai Jazz (97-86 a 2’09” dalla fine). E’ il colpo del ko, che lancia Golden State sul 3-0.

Kevin Durant (38+13 rimbalzi) è decisivo, così come Curry (23). Non sono sufficienti ai padroni di casa Hayward (29+6 assist) e Gobert (21+15 rimbalzi).

Di seguito, il riepilogo delle partite della notte:

GOLDEN STATE WARRIORS @ UTAH JAZZ 102-91 (3-0) 

*Tra parentesi, la situazione delle varie serie.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo