NBA 2017/18, Recap 23 Ottobre: si fermano i Rockets. Warriors travolgenti a Dallas

La notte NBA ha riservato agli appassionati otto sfide sui parquet di tutti gli Stati Uniti. Partiamo dal Toyota Center di Houston, dove i Grizzlies, dopo quello dei Warriors, ottengono anche lo scalpo dei Rockets, prima di stanotte imbattuti. Dopo aver condotto gran parte del match, sospinti da James Harden (22+8 assist) e da Eric Gordon (27+7 assist), i texani vengono raggiunti e superati dagli ospiti nel quarto periodo (28-14 il parziale per Memphis). I Grizzlies operano l’aggancio a 3’02” dalla fine (88-88), andando via con un break di 10-2. Ancora una volta decisivo Marc Gasol (26 con 8/15 dal campo e 10/10 dalla lunetta). Tornano a sorridere i Golden State Warriors, che espugnano di forza il parquet dell’American Airlines Center, casa dei Dallas Mavericks, ancora a secco di vittorie. Dopo un primo quarto dominato (40-24), i californiani subiscono il ritorno dei padroni di casa nei 12′ successivi, andando negli spogliatoi sul 65-62. L’accelerata decisiva arriva nel secondo tempo, con un parziale totale di 68-41, propiziato dal trio Curry (29+8 assist)-Durant (25+8 rimbalzi e 6 assist)-Thompson (21). Per i Mavs, il migliore è Matthews (19).

Ancora una grande prestazione per Giannis Antetokounmpo, che sta spingendo i Bucks al miglior avvio dal 1970/71 (foto da: 15minutenews.com)

 Restando in Texas, i San Antonio Spurs mantengono l’imbattibilità e all’AT&T Cente infliggono la prima L stagionale ai Toronto Raptors. Ancora senza Leonard e all’interno di una sfida molto equilibrata, gli Spurs operano l’allungo nella seconda metà di quarto periodo, arrivando a toccare il +10 con un gioco da tre punti di Aldridge a 1’48” dalla fine (87-97). Proprio l’ex Blazers è il top-scorer per i texani (20+8 rimbalzi), ben sostenuto da Green (17+8 rimbalzi) e da Murray (16+14 rimbalzi e 6 assist). Ai canadesi non sono sufficienti i 28 punti di DeRozan. Mantengono il 100% di vittorie anche i Washington Wizards, corsari al Pepsi Center di Denver contro i Nuggets. Trascinati da Wall (19+12 assist), Beal (20) e Porter Jr. (17+10 rimbalzi), i Capitolini prendono il comando delle operazioni nel secondo tempo, tenendo a bada i tentativi di rientro dei locali nel finale. A Denver non bastano Jokic (29+9 rimbalzi) e Millsap (17+8 rimbalzi). Continuano a vincere i Milwaukee Bucks, a segno al BMO Harris Bradley Center contro gli Charlotte Hornets. Gli ospiti riescono a tenere aperta la sfida fin quasi sul traguardo; peccato che negli ultimi 3′ segnino solo i Bucks (0-9 di parziale), portandosi a casa la vittoria. Ancora sugli scudi Antetokounmpo (32+14 rimbalzi e 6 assist), coadiuvato da Middleton (20+6 rimbalzi); per gli Hornets, da segnalare Kaminsky (18), Lamb (17+9 rimbalzi) e Howard (22 rimbalzi con 8 punti e 4 stoppate).

Arriva finalmente la prima vittoria per i Philadelphia 76ers, che battono a domicilio i Detroit Pistons. Alla Little Caesars Arena, spiccano Joel Embiid (30+9 rimbalzi) e soprattutto la prima tripla doppia in carriera di Ben Simmons (21+12 rimbalzi e 10 assist). Nulla da fare per la franchigia di Mile High City, nelle cui fila il migliore è Reggie Jackson (16+7 assist e 6 rimbalzi). Ancora un ko per gli Atlanta Hawks, sconfitti stavolta all’American Airlines Arena dai Miami Heat. I floridiani dominano la scena, toccano anche il +21 in avvio di terzo quarto (44-65), ma subiscono il rientro dei ragazzi di coach Budenholzer, che pareggiano il punteggio sul 79-79 dopo meno di 2′ dall’inizio del quarto conclusivo. Miami, però, riesce a reagire e opera l’allungo definitivo negli ultimi minuti. Fondamentali Richardson (21), Ellington (20) e Dragic (19+6 assist); i 40 punti in due della coppia Bazemore-Prince non bastano ad Atlanta; 11 punti (5/9 al tiro) per Belinelli. Infine, alla Talking Stick Resort Arena di Phoenix, i Suns si sbloccano, battendo i Sacramento Kings e centrando la prima W stagionale. Volati subito sul +22, i padroni di casa sembrano in grado di controllare la situazione, ma si fanno raggiungere sul finale (112-112 a 58″ dal termine). Con 9.8″ sul cronometro, decidono la sfida due liberi di Booker (22). Per i Suns bene anche Chriss (19+6 rimbalzi) e James (18+7 assist). Non bastano a Sacramento Temple (23) e Fox (19).

Di seguito, il riepilogo delle partite della notte:

PHILADELPHIA 76ERS (1-3) @ DETROIT PISTONS (2-2) 97-86

ATLANTA HAWKS (1-3) @ MIAMI HEAT (2-1) 93-104

MEMPHIS GRIZZLIES (3-0) @ HOUSTON ROCKETS (3-1) 98-90

CHARLOTTE HORNETS (1-2) @ MILWAUKEE BUCKS (3-1) 94-103

TORONTO RAPTORS (2-1) @ SAN ANTONIO SPURS (3-0) 97-101

GOLDEN STATE WARRIORS (2-2) @ DALLAS MAVERICKS (0-4) 133-103

WASHINGTON WIZARDS (3-0) @ DENVER NUGGETS (1-2) 109-104

SACRAMENTO KINGS (1-3) @ PHOENIX SUNS (1-3) 115-117

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo