NBA 2017/18, recap 27 febbraio: LeBron macchina da record. Cavs ok con i Nets

Sei partite nella notte NBA, con un protagonista su tutti: LeBron James. Nella (sofferta) vittoria della Quicken Loans Arena ai danni dei Brooklyn Nets, la stella dei Cleveland Cavaliers non ha solo dato il solito sostanziale contributo alla causa (31+12 rimbalzi e 11 assist), ma è anche diventato il primo giocatore nella storia della NBA ad aver messo a referto almeno 30.ooo punti, 8.000 rimbalzi ed 8.000 assist. #HistoryInMaking insomma. Tornando alla partita, importante è stato anche l’apporto di Hill (26) e Korver (18), mentre nei Nets a mettersi in luce sono stati Russell (25+6 assist) e LeVert (18).

LeBron James ancora una volta da record: è il primo nella storia a toccare quota 30 mila punti, 8 mila rimbalzi ed altrettanti assist (foto da: youtube.com)

Nella corsa al 3° posto ad Est, arriva la risposta dei Washington Wizards, vittoriosi nello scontro diretto Playoff al BMO Harris Bradley Center di Milwaukee, contro i Bucks. Washington parte benissimo (40-22 al 12′), toccando anche il +19 a 2’14” dalla pausa lunga (64-45). Nella ripresa, però, i Bucks ricuciono e si portano più volte sul -1, senza però mai riuscire nel colpo di reni decisivo. Sugli scudi, per gli ospiti, Beal (21+8 assist e 7 rimbalzi) e Porter Jr. (17+7 rimbalzi); per Milwaukee, i migliori sono Antetokounmpo (23+13 rimbalzi+8 assist e 6 stoppate) e Parker (19). Altro importante scontro diretto è stato quello dell’AmericanAirlines Arena di Miami, dove gli Heat l’hanno spuntata in volata sui Philadelphia 76ers. La sfida, molto equilibrata, ha visto gli ospiti provare più di una volta ad allungare, sotto la spinta di Embiid (23+8 rimbalzi) e di Saric (21+7 rimbalzi). Ma Miami ha avuto il merito di rispondere colpo su colpo, portandola a casa con un jumper a 5.9″ dalla fine del figliol prodigo Dwyane Wade (27 e 10/16 dal campo). Ok anche Dragic (21+6 rimbalzi).

Spostiamoci ad Ovest. I Portland Trail Blazers continuano nella loro ottima regular season e, al Moda Center, regolano in scioltezza i Sacramento Kings, portandosi ad una partita dagli Spurs 4°. Lillard (26+12 assist) e Napier (20) sospingono i Blazers; Randolph (20+6 rimbalzi) e Cauley-Stein (17+10 rimbalzi) non bastano ai californiani. Fondamentale vittoria esterna dei Los Angeles Clippers, che espugnano il Pepsi Center, casa dei Denver Nuggets, agganciandoli all’8° posto. Gli angeleni operano una gran rimonta, visto il passivo di -19 a 4’24” dalla fine del terzo quarto (63-82); nei successivi 6′ (a cavallo tra terzo ed inizio quarto periodo), gli uomini di coach Rivers piazzano un break di 26-6, andando addirittura in vantaggio (89-88 a 10’17” dal termine). Il finale premia i Clippers, con protagonisti Williams (25+6 assist) e Marjanovic (18+6 rimbalzi). Inutile, per i Nuggets, la buona serata di tutto il quintetto titolare: Harris (23), Barton (19+7 rimbalzi), Chandler (18+8 rimbalzi e 6 assist), Jokic (18+6 rimbalzi) e Murray (18).

Risalgono, infine, gli Charlotte Hornets, a segno allo Spectrum Center sui Chicago Bulls. Una vittoria, propiziata dai soliti Walker (31) e Howard (24+6 rimbalzi), che proietta Charlotte a mezza partita dai Pistons, e a 4 partite dagli Heat. Forse è tardi, ma provarci, per gli Hornets, non costa nulla. Passando ai Bulls, alla loro 5° sconfitta di fila, il top-scorer è stato LaVine (21, ma con 7/19 dal campo).

Di seguito, il riepilogo della notte:

CHICAGO BULLS (20-41) @ CHARLOTTE HORNETS (28-33) 103-118

BROOKLYN NETS (20-42) @ CLEVELAND CAVALIERS (36-24) 123-129

PHILADELPHIA 76ERS (32-27) @ MIAMI HEAT (32-29) 101-102

WASHINGTON WIZARDS (36-25) @ MILWAUKEE BUCKS (33-27) 107-104

SACRAMENTO KINGS (18-43) @ PORTLAND TRAIL BLAZERS (35-26) 99-116

LOS ANGELES CLIPPERS (32-27) @ DENVER NUGGETS (33-28) 122-120

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo