NBA 2017/18, recap 26 febbraio: Rockets ancora vincenti, bene gli Warriors. Davis travolgente

Ben dieci le sfide disputate nella notte, ma ben poche sorprese. Continua il botta e risposta ad Ovest tra Houston Rockets e Golden State Warriors, entrambe impegnate (e vittoriose) in trasferta. La partita più complicata è di sicuro quella dei texani, di scena alla Vivint Smart Home Arena, casa degli Utah Jazz. Dopo aver toccato il -15 a metà secondo quarto, i Rockets rimontano e la portano a casa (13° W consecutiva), con il solito Harden sugli scudi (26+11 rimbalzi). Gobert (17+6 rimbalzi) e Mitchell (16) non bastano ai Jazz. Il solito terzo quarto killer (39-18 il parziale) basta a Golden State per espugnare il Madison Square Garden di New York, sospinti da Thompson (26), Durant (22+9 rimbalzi) e Curry (21). Per i Knicks, Mudiay (20+7 assist) e Burke (18) sono i migliori.

Un clamoroso Anthony Davis (53+18 rimbalzi e 5 stoppate) ha condotto i Pelicans alla vittoria sui Suns (foto da: youtube.com)

Corsa a due, al momento, anche per la vetta ad Est. I Toronto Raptors spazzano via, con un secondo tempo da 41-64 di parziale, i malcapitati Detroit Pistons, confermandosi leader della Eastern Conference. All’Air Canada Center, a guidare la truppa di coach Casey troviamo DeRozan (20+7 assist), Lowry (20+6 rimbalzi) ed Ibaka (19+9 rimbalzi). Nei Pistons, alla 3° L di fila ed ormai a 3 partite dall’8° posto di Miami, si salva solo Drummond (18+18 rimbalzi). Rispondono i Boston Celtics, a segno al TD Garden contro i Memphis Grizzlies (10° ko in fila). I padroni di casa, condotti da Irving (25+6 rimbalzi), volano via nel secondo quarto (+25 a 5’13” dalla pausa lunga, 30-55), per poi controllare. JaMychal Green (21+11 rimbalzi) e Marc Gasol (17+8 rimbalzi e 8 assist) si sono messi in luce per gli ospiti.

La copertina della notte, però, non può non essere per Anthony Davis, che trascina i New Orleans Pelicans al successo sui Phoenix Suns grazie ad un’altra prestazione monstre (53+18 rimbalzi e 5 stoppate). Allo Smoothie King Center, NOLA ottiene il 6° successo di fila e si porta a sole 2 partite dai Twolves 3°. Bene anche Holiday (20+7 assist), mentre ai Suns non bastano Booker (40+10 rimbalzi e 7 assist), Warren (23+6 rimbalzi) e Jackson (20+12 rimbalzi). A proposito di Minnesota, i Timberwolves, nella notte, violano il Golden 1 Center, casa dei Sacramento Kings. Decisivo un terzo periodo da 34-17 di parziale e le prestazioni di Towns (26+17 rimbalzi), Wiggins (22) e Teague (20+7 assist). Per i locali spicca Labissiere (20).

Restando in ambito Playoff, vincono gli Oklahoma City Thunder, opposti alla Chesapeake Energy Arena agli Orlando Magic. Gli ospiti (bene Fournier e Simmons (19 a testa a referto), oltre a Gordon (18+7 rimbalzi)) mettono in difficoltà per lunghi tratti OKC e, in una serata storta per Westbrook (8 con 3/12 dal campo, con 12 rimbalzi ed 11 assist), serve un ottimo Paul George (26+8 rimbalzi) per assicurarsi la W. L’unica sorpresa della notte arriva dall’American Airlines Center di Dallas, dove i Mavericks l’hanno spuntata sugli Indiana Pacers. Nonostante le prove di Oladipo (21), Turner (24+11 rimbalzi) e Bogdanovic (19+8 rimbalzi), gli ospiti cadono sotto i colpi soprattutto di Barnes (21) e di Barea (19+9 assist).

Due, infine, le partite senza valenza di Playoff. I Los Angeles Lakers ottengono la loro 3° vittoria di fila, espugnando la Philips Arena, impianto degli Atlanta Hawks. Una vittoria netta, ispirata da Ingram (21+10 rimbalzi e 6 assist) e da Randle (19+10 rimbalzi), mentre agli Hawks non è sufficiente il duo Prince (24)-Schroder (20). Al Barclays Center, per concludere, bella vittoria dei Brooklyn Nets sui Chicago Bulls. Fondamentale il secondo tempo (36-55 per i padroni di casa) e le prestazioni di Crabbe (21), Allen (18+9 rimbalzi) e Carroll (18+6 rimbalzi). Per i Bulls i migliori sono Dunn (23) e Markkanen (19+6 rimbalzi).

Di seguito, il riepilogo della notte:

LOS ANGELES LAKERS (26-34) @ ATLANTA HAWKS (18-43) 123-104

MEMPHIS GRIZZLIES (18-41) @ BOSTON CELTICS (43-19) 98-109

CHICAGO BULLS (20-40) @ BROOKLYN NETS (20-41) 87-104

GOLDEN STATE WARRIORS (47-14) @ NEW YORK KNICKS (24-38) 125-111

DETROIT PISTONS (28-32) @ TORONTO RAPTORS (42-17) 94-123

PHOENIX SUNS (18-44) @ NEW ORLEANS PELICANS (34-26) 116-125

ORLANDO MAGIC (18-42) @ OKLAHOMA CITY THUNDER (35-27) 105-112

INDIANA PACERS (34-26) @ DALLAS MAVERICKS (19-42) 103-109

HOUSTON ROCKETS (47-13) @ UTAH JAZZ (31-30) 96-85

MINNESOTA TIMBERWOLVES (38-26) @ SACRAMENTO KINGS (18-42) 118-100

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo