NBA 2017/18, recap 21 Gennaio: sconfitte per Celtics e Spurs

Quattro le partite disputate nella notte NBA. Riflettori puntati in particolare su Boston Celtics e San Antonio Spurs, che hanno ospitato rispettivamente Orlando Magic ed Indiana Pacers. Ebbene, al TD Garden i Celtics confermano di attraversare un momento di difficoltà ed incappano nel 3° ko di fila. Gli ospiti, prima di ieri sera in fondo alla Eastern Conference a braccetto con Atlanta, spaccano la partita con un gran terzo quarto (32-12), per poi resistere al ritorno dei ragazzi di coach Stevens, inutilmente trascinati da Irving (40+7 rimbalzi). Bene nei Magic Payton (22+6 rimbalzi) e Fournier (19, anche se con 8/19 dal campo). Cadono in casa (ed è una notizia, essendo appena la terza volta) anche i texani, battuti all’AT&T Center dai Pacers. Dopo un primo tempo sostanzialmente in equilibrio (46-43), Indiana fa la differenza nel terzo quarto, chiuso sul 71-59; dopo esser finiti anche a -17 (77-60 a 10′ dalla fine), i padroni di casa provano la rimonta, ma non riescono a far meglio del -6 (87-81 ad 1’37” dalla conclusione). Oladipo (19) guida i Pacers, mentre Pau Gasol (14+9 rimbalzi) è il migliore per San Antonio.

Non sono bastati a Boston i 40 punti di Irving (in foto) per avere la meglio di Orlando ed evitare il 3° ko di fila (foto da: heraldtimesonline.com)

Allo Staples Center di Los Angeles, i Lakers si disfano dei New York Knicks, operando l’allungo decisivo nella seconda metà di quarto periodo, con un break di 4-17 che conduce la squadra di coach Walton al +20 finale. In evidenza per i padroni di casa Clarkson (29+10 assist e 6 rimbalzi) e Randle (27+12 rimbalzi). Per gli ospiti, Porzingis, Hardaway Jr. e Beasley mettono tutti a referto 17 punti ciascuno. Alla Little Caesars Arena di Detroit, infine, un quasi buzzer-beater (9 decimi di secondo sul cronometro) di Spencer Dinwiddie (22 con 9/13 dal campo) infligge ai Pistons la 5° sconfitta di fila. Brooklyn Nets a lungo in controllo, avanti di +15 a 3’50” dalla fine del terzo quarto (73-58) e di +8 a 6’18” dalla conclusione (87-79). I Pistons, però, prima raggiungono gli avversari sul 92-92 (2’58” da giocare), poi operano il sorpasso con Drummond, a 4″ dalla fine (99-100). Dinwiddie, però, non è d’accordo, e realizza il canestro della vittoria Nets. Per gli ospiti in evidenza anche Hollis-Jefferson (21+8 rimbalzi e 7 assist), mentre ai Pistons non bastano Harris (20+7 rimbalzi) e Stanley Johnson (17).

Di seguito, il riepilogo della notte:

ORLANDO MAGIC (14-32) @ BOSTON CELTICS (34-13) 103-95

NEW YORK KNICKS (21-26) @ LOS ANGELES LAKERS (17-29) 107-127

BROOKLYN NETS (18-29) @ DETROIT PISTONS (22-23) 101-100

INDIANA PACERS (25-22) @ SAN ANTONIO SPURS (30-18) 94-86

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo