Motomondiale GP Francia 2020: Anteprima ed Orari Diretta TV

A Le Mans tappa fondamentale nelle corse iridate delle varie categorie. In MotoGP, Quartararo cerca il successo nella gara di casa. Si chiude la MotoE

In una Francia blindata a causa dell’impennarsi dei contagi da COVID-19 e funestata dalla tempesta Alex, il Motomondiale si prepara ad affrontare il decimo appuntamento stagionale (il nono per la classe regina). Lo storico circuito di Le Mans, nella versione Bugatti, ospiterà per la 30.esima volta il Gran Premio di Francia, che a sua volta giunge alla 63.esima edizione. In MotoGP, Fabio Quartararo proverà a dare continuità al successo di Barcellona, dovendosi guardare in primis da Joan Mir e da Maverick Vinales.

Vista dall’alto del circuito Bugatti di Le Mans (foto da: motogpbrits.com)

Molta attesa anche nelle altre categorie. In Moto2 Le Mans rappresenta un crocevia importante nel duello tutto tricolore tra gli alfieri dello SKY Racing Team VR46, Luca Marini e Marco Bezzecchi, ed Enea Bastianini, portacolori dell’Italtrans Racing. In Moto3, invece, Albert Arenas proverà a riprendersi la vetta della classifica, soffiatagli due settimane fa da Ai Ogura. Redde rationem in MotoE: nelle ultime due gare stagionali, il nostro Matteo Ferrari andrà a caccia del bis iridato; dovrà difendere il primato dagli assalti del trio composto da Dominique Aegerter, Jordi Torres e Mattia Casadei.

GUARDA il Gran Premio di MotoGP di Francia in Diretta Tv e Streaming su DAZN! Registrati subito!

MOTOP FRANCIA 2020 – METEO ED ORARI TV

Questo il meteo previsto nel weekend di Le Mans, con la pioggia che potrebbe essere protagonista. Venerdì dovrebbe cadere per tutta la giornata, con una leggera intensificazione per il primo pomeriggio; temperature massime sui 15 C°, vento moderato. Cielo sereno o poco nuvoloso sabato, con temperature tra i 10 e i 14 C° e vento in leggero rinforzo. Variabile domenica: da metà mattina potrebbe piovere (percentuali intorno al 50%), in una giornata che vedrà le temperature superare a stento i 10 C°; vento sempre moderato. Si passa ora al palinsesto televisivo: sarà possibile seguire in diretta il weekend del Gran Premio di Francia in diretta tv su Sky Sport MotoGP (canale 208 Sky) e su DAZN, mentre andrà in differita su TV8 (canale 8 del digitale terrestre).

MOTOMONDIALE FRANCIA 2020 SKY E DAZN (DIRETTA)

Venerdì 9 Ottobre

PL1 Moto3 09:00 – 09:40
PL1 MotoGP 09:55 – 10:40
PL1 Moto2 10:55 – 11:40
PL1 MotoE 12:30 – 13:00
PL2 Moto3 13:15 – 13:55
PL2 MotoGP 14:10 – 14:55
PL2 Moto2 15:10 – 15:50
PL2 MotoE 16:10 – 16:40

Sabato 10 Ottobre

PL3 Moto3 09:00 – 09:40
PL3 MotoGP 09:55 – 10:40
PL3 Moto2  10:55 – 11:35
E-Pole MotoE 11:45
Qualifiche Moto3 12:35 – 13:15
PL4 MotoGP 13:30 – 14:00
Q1 MotoGP  14:10 – 14:25
Q2 MotoGP  14:35 – 14:50
Qualifiche Moto2 15:05 – 15:45
Gara-1 MotoE 16:15

Domenica 11 Ottobre

Warm Up Moto3 09:00-09:20
Warm Up MotoGP 09:30-09:50
Warm Up Moto2 10:00-10:20
Gara Moto3 11:20
Gara MotoGP 13:00
Gara Moto2 14:30
Gara-2 MotoE 15:40

MOTOMONDIALE FRANCIA 2020 TV8 (DIFFERITA)

Sabato 10 Ottobre

Sintesi Qualifiche Moto3, MotoGP e Moto2 15:35

Domenica 11 Ottobre

Gara Moto3 14:00
Gara MotoGP 15:05
Gara Moto2 16:25

MOTOMONDIALE FRANCIA 2020 – IL CIRCUITO BUGATTI DI LE MANS

Intitolato alla memoria di Ettore Bugatti, fondatore della storica Casa di Molsheim, il progetto di questo circuito viene realizzato nel 1966, su iniziativa dell’Automobile Club de l’Ouest; un’idea (opera di Charles Deutsch) riguardante una pista interna al Circuit de la Sarthe, della lunghezza di 4.422 metri, in grado di poter ospitare anche altre competizioni motoristiche, oltre alla celebre 24 Ore di Le Mans. Inizialmente, a differenza del disegno attuale, non esisteva la esse Dunlop, con i piloti che arrivavano direttamente alla staccata del tornante La Chapelle. Nel corso dei decenni questa pista ha subito delle modifiche, le quali ne hanno ridotto la lunghezza ai 4.185 metri attuali, per un totale di 11 curve (7 a destra e 4 a sinistra).

Transitati sul breve rettilineo dei box, i piloti affrontano subito in pieno il velocissimo curvone Dunlop, cominciando a frenare ancora in piega, per arrivare alla staccata della Dunlop Chicane, un lento sinistra-destra in salita. In accelerazione, dopo lo scollinamento, si piega a sinistra e, in discesa, si arriva alla Chapelle, tornante ad ampio raggio a destra. Un breve  allungo conduce i piloti ad una curva simile alla precedente, anche se stavolta a sinistra, Le Museé. Ancora, dopo un ulteriore breve rettilineo, si arriva ad un terzo tornante, Garage Vert, a destra e con un doppio punto di corda. Il seguente rettilineo  porta al cambio di direzione sinistra-destra Chemin Aux Bœufs, dopo il quale si affronta un altro cambio di direzione, stavolta destra-sinistra e a raggio molto più ampio, la ‘S’ du Garage Bleu. Infine, un altro breve allungo conduce all’ultima curva, Double Droit du Raccordement, doppia a destra molto lenta dopo la quale ci si ritrova sul traguardo.

il layout del circuito Bugatti di Le Mans (foto da: motogp.hondaracingcorporation.com)

MOTOGP FRANCIA 2020 – IL PRONOSTICO

Yamaha vs Suzuki. Senza Marc Marquez, trionfatore nelle ultime due edizioni, molto presumibilmente saranno gli alfieri delle case di Iwata e Hamamatsu a contendersi il gradino più alto del podio a Le Mans. L’idolo di casa Fabio Quartararo, nonché leader del Mondiale, va a caccia del quarto sigillo stagionale e di un possibile allungo in una classifica che lo vede con un margine di 8 lunghezze (108 a 100) dalla sorpresa stagionale. Parliamo di Joan Mir, ancora senza vittorie ma reduce da tre podi consecutivi (4 nelle ultime 5), in sella ad una GSX-RR che al momento è sicuramente la moto più equilibrata del lotto.

Terzo al momento in classifica è Maverick Vinales (90): lo spagnolo non è staccatissimo, ma sembra non riuscire a venir fuori da un’altalena di prestazioni fatta da pochi alti (vittoria a Misano 2) e troppi bassi (vedasi il 9° posto di Barcellona). Puntano presumibilmente alla singola tappa, invece, i vari Franco Morbidelli (5° a -31), 4° in Catalogna, Valentino Rossi, reduce da due grosse delusioni, ed Alex Rins, risollevatosi invece due settimane fa con un ottimo 3° posto.

Il podio del Gran Premio di Catalunya 2020, classe MotoGP (foto da: motogp.com)

Andrea Dovizioso, dal canto suo, si trova davanti uno degli ultimissimi treni per il titolo. A 24 punti da Quartararo, il ducatista (e con lui la sua GP20) ha convinto ben poco a Misano e con anche la sfiga a metterci la mano come a Barcellona, dove è stato steso dopo poche centinaia di metri. Con una griglia così equilibrata, è facile prevedere un lotto di papabili al podio molto ampio.

Oltre ai protagonisti già nominati, non vanno assolutamente esclusi i due del Team Pramac, Jack Miller (6° a -33) e Francesco Bagnaia, la truppa della KTM composta dai vari Miguel Oliveira, Brad Binder e Pol Espargaro, in rigoroso ordine di classifica e ultimamente un pochino in ombra, l’altro pilota di casa Johann Zarco (Ducati Esponsorama) e il nipponico Takaaki Nakagami (7° a -36), unico cavallo su cui la Honda possa puntare qualcosa al momento.

FRANCIA 2020: PRONOSTICO MOTO2, MOTO3 E MOTOE

Nella Middle Class, ancora una volta, i riflettori sono puntati sui nostri portacolori. Luca Marini, splendido vincitore al Montmelò, si presenta a Le Mans da primo della classe, con un margine di 20 lunghezze su Enea Bastianini e di 36 sul compagno di box Marco Bezzecchi. Loro tre sono i favoriti, ma non vanno assolutamente sottovalutati gli altri. A partire dal primo inseguitore degli azzurri, il britannico Sam Lowes (4° con 103), che ha dato spettacolo con Marini due settimane fa, oltre agli iberici Jorge Martin, Aron Canet e Xavi Vierge e il giapponese Tetsuta Nagashima.

In Moto3, prima uscita da leader della classifica per Ai Ogura, passato al comando a Barcellona grazie al terzo zero stagionale di Albert Arenas, adesso nelle vesti di inseguitore (122 a 119). Non esclusi dalla lotta iridata e papabili per la vittoria lo scozzese John McPhee (98), che ha steso Arenas nell’ultima gara, e i nostri Tony Arbolino (95) e Celestino Vietti (94). Da valutare le condizioni di Tatsuki Suzuki, mentre ‘pericolosi’ per le posizioni migliori potranno essere anche gli iberici Jaume Masià, Raul Fernandez e Sergio Garcia, gli altri italiani Romano Fenati e Dennis Foggia, il sudafricano Darryn Binder e l’argentino Gabriel Rodrigo.

Weekend fondamentale in MotoE. La categoria full electric arriva al suo appuntamento conclusivo, nel quale saranno presenti due gare, una sabato e l’altra domenica. Reduce da due vittorie e un 3° posto nelle ultime tre gare, il Campione in carica Matteo Ferrari giunge da fresco leader della classifica (86) e da favorito. Ma in Francia non sarà affatto facile. A rendergli la vita complicata sarà innanzitutto lo svizzero Dominique Aegerter (82), che avrà il dente avvelenato per quanto successo l’ultima gara; della partita anche lo spagnolo Jordi Torres, staccato di 7 lunghezze (79), e Mattia Casadei, lontano invece 15 lunghezze dalla vetta (71).

MOTOMONDIALE FRANCIA – ALBO D’ORO (SOLO MOTOGP)

(1951) – Albi – Alfredo Milani (ITA, Gilera)

(1953) – Rouen – Geoff Duke (GBR, Gilera)

(1954) – Reims – Pierre Monneret (FRA, Gilera)

(1955) – ” ” – Geoff Duke (GBR, Gilera)

(1959) – Clermont-Ferrand – John Surtees (GBR, MV Agusta)

(1960) – ” ” – John Surtees (GBR, MV Agusta)

(1961) – ” ” – Gary Hocking (RSR*, MV Agusta)  *Rhodesia del Sud

(1969) – Le Mans – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1970) – ” ” – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1972) – Clermont-Ferrand – Giacomo Agostini (ITA, MV Agusta)

(1973) – Le Castellet – Jarno Saarinen (FIN, Yamaha)

(1974) – Clermont-Ferrand – Phil Read (GBR, MV Agusta)

(1975) – Le Castellet – Giacomo Agostini (ITA, Yamaha)

(1976) – Le Mans – Barry Sheene (GBR, Suzuki)

(1977) – Le Castellet – Barry Sheene (GBR, Suzuki)

(1978) – Nogaro – Kenny Roberts (USA, Yamaha)

(1979) – Le Castellet – Barry Sheene (GBR, Suzuki)

(1980) – Le Mans – Kenny Roberts (USA, Yamaha)

(1981) – ” ” – Marco Lucchinelli (ITA, Suzuki)

(1982) – Nogaro – Michel Frutschi (SVI, Sanvenero)

(1983) – Le Mans – Freddie Spencer (USA, Honda)

(1984) – Le Castellet – Freddie Spencer (USA, Honda)

(1985) – Le Mans – Freddie Spencer (USA, Honda)

(1986) – Le Castellet – Eddie Lawson (USA, Yamaha)

(1987) – Le Mans – Randy Mamola (USA, Yamaha)

(1988) – Le Castellet – Eddie Lawson (USA, Yamaha)

(1989) – Le Mans – Eddie Lawson (USA, Yamaha)

(1990) – ” ” – Kevin Schwantz (USA, Suzuki)

(1991) – Le Castellet – Wayne Rainey (USA, Yamaha)

(1992) – Magny-Cours – Wayne Rainey (USA, Yamaha)

(1994) – Le Mans – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1995) – ” ” – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1996) – Le Castellet – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1997) – ” ” – Mick Doohan (AUS, Honda)

(1998) – ” ” – Alex Criville (SPA, Honda)

(1999) – ” ” – Alex Criville (SPA, Honda)

(2000) – Le Mans – Alex Criville (SPA, Honda)

(2001) – ” ” – Max Biaggi (ITA, Yamaha)

(2002) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Honda)

(2003) – ” ” – Sete Gibernau (SPA, Honda)

(2004) – ” ” – Sete Gibernau (SPA, Honda)

(2005) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2006) – ” ” – Marco Melandri (ITA, Honda)

(2007) – ” ” – Chris Vermeulen (AUS, Suzuki)

(2008) – ” ” – Valentino Rossi (ITA, Yamaha)

(2009) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2010) –  ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2011) – ” ” – Casey Stoner (AUS, Honda)

(2012) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2013) – ” ” – Dani Pedrosa (SPA, Honda)

(2014) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2015) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2016) – ” ” – Jorge Lorenzo (SPA, Yamaha)

(2017) – ” ” – Maverick Vinales (SPA, Yamaha)

(2018) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

(2019) – ” ” – Marc Marquez (SPA, Honda)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo