MotoGP Spagna 2018, Yamaha in affanno: Rossi e Vinales poco fiduciosi in vista della gara

Lo scorso anno, lo sbarco in Europa, sempre a Jerez de la Frontera, coincise con l’esplosione dei problemi al posteriore della Yamaha M1, che influì tantissimo sulle sfortune di Valentino Rossi e Maverick Vinales, precocemente fuori dai discorsi iridati nel 2017. A Jerez, un anno dopo, i due del team ufficiale della Casa di Iwata si trovano nuovamente nei guai. Pur con un distacco non esagerato dalla vetta, Rossi e Vinales non sono andati oltre ad una deludente quarta fila in qualifica, con il pilota di Tavullia 10° (+0.614) subito avanti allo spagnolo (+0.628). In ottica gara, le previsioni dei due piloti sono abbastanza fosche.

Le due Yamaha di Valentino Rossi e Maverick Vinales, in grossa difficoltà nelle qualifiche del Gran Premio di Spagna 2018 (foto da: motogp.com)

VALENTINO ROSSI (10° a +0.614) –Le cose purtroppo sono andate bene o male come ieri. Stamani con il fresco sono andato discretamente; con il caldo, questo pomeriggio, ho faticato tanto con le gomme” – ha detto uno sconsolato Valentino – “Abbiamo provato anche oggi pomeriggio a fare delle modifiche, testando le gomme dure sia davanti che dietro, ma non è questa la via da seguire. E’ ancora peggio, poiché faccio ancora più fatica, perdendo grip. Partire decimo non è mai facile; il problema, però, è che il mio passo non è nulla di che. Sarà senz’altro una gara dura“.

Domani, nel warm-up, avremo venti minuti per fare ancora qualcosa. Il problema è che se sarà caldo come oggi, o addirittura di più, faremo di certo fatica. Le gomme medie sono un po’ troppo morbide, ma se mettiamo quelle dure le nostre difficoltà si aggravano” – continua il Dottore – “Purtroppo, le nostre fortune varieranno da pista a pista. Sui circuiti come Jerez, dove la gomma posteriore spinna molto, siamo in difficoltà. Dopo due o tre giri mi comincia già a scivolare. Dobbiamo lavorare tanto a livello di elettronica, perché le altre moto sono molto più dolci e riescono a mettere i cavalli per terra. E’ quella l’area in cui continuiamo a fare fatica“.

MAVERICK VINALES (11° a +0.628) –Stiamo vivendo una situazione molto difficile” – dice un laconico quanto deluso Vinales – “E’ sempre lo stesso discorso, con il posteriore che scivola troppo e, di conseguenza, fatichiamo tantissimo. Chiaramente, domani darò tutto, sperando di portare a casa un buon bottino di punti. Stasera analizzeremo tutti i dati a nostra disposizione e, con ancora il warm-up da svolgere, puntiamo a dei miglioramenti dell’ultimo minuto. In gara vorrei trovare una M1 più competitiva“.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo