MotoGP Catalunya 2019: le dichiarazioni post gara di Marquez e Lorenzo

Ennesima vittoria per Marc Marquez, la quarta stagionale, 74.esima in carriera, 48.esima nella classe regina. Un successo, quello del Montmelò, risultato estremamente più facile di quanto pronosticato alla vigilia, che lancia il Campione in carica in fuga verso l’ennesimo titolo, dato il +37 su Andrea Dovizioso, il +39 su Alex Rins ed il +42 su Danilo Petrucci. Una gara, però, macchiata da quanto accaduto alla staccata di curva 10 nel corso del secondo giro: Jorge Lorenzo, autore fin lì del miglior scorcio di gara da quando corre per l’HRC, canna completamente la frenata nel tentativo di superare Maverick Vinales, tirando giù, oltre al connazionale, anche il Dovi e Valentino Rossi. Uno strike vero e proprio, nei confronti del quale, però, la commissione gara ha deciso di sorvolare, bollandolo come semplice ‘incidente di gara’.

Marc Marquez esulta davanti ai suoi tifosi, dopo la facile vittoria di Barcellona (foto da: motogp.com)

Marc Marquez giustifica il compagno di squadra: “Ci sono molte curve come questa nel calendario, e devi solo capire come affrontarle. Jorge era sulla traiettoria buona, ma sfortunatamente ha perso l’anteriore mentre Dovi e Viñales si trovavano all’esterno La sua manovra è comprensibile e per me non punibile. Ero dietro a Dovi e lui ha frenato molto tardi e ha lasciato i freni; sia lui, che Viñales e Rossi sono andati lunghi, mentre Jorge purtroppo ha perso l’anteriore. In quel punto è abbastanza facile incappare in un errore simile; nel 2016 capità a Iannone, oggi a Jorge. Ripeto, per me sono cose che capitano, soprattutto quando, nei primissimi giri, si è in tanti uno vicino all’altro“.

Il focus passa poi sulla sua gara e in particolare sul cammino iridato: “Oggi io ho avuto fortuna, altri no. E’ chiaro che l’incidente ha contribuito a rendere la gara più confortevole, ed è altrettanto chiaro che ora affronterò le gare più a mio agio con questo vantaggio di 37 punti” – ha aggiunto il catalano – “Al Mugello ho sofferto, arrivando comunque secondo, mentre qui, pur soffrendo ancora, sono riuscito a guidare meglio rispetto a due settimane fa. Ho avuto un buon passo, anche se non mi aspettavo di finire la gara con quel margine“.

Passiamo quindi a Jorge Lorenzo, finito suo malgrado nell’occhio del ciclone: “Ho avuto una buona partenza, riuscendo a recuperare delle posizioni, anche perché qualche pilota davanti a me ha dovuto rallentare del via del traffico; in più, mi sono accorto che in frenata potevo staccare forte. Marc e Maverick in quella accelerazione si sono disturbati un pò, Vinales ha chiuso il gas e sono riuscito a mettermi in scia. Ho provato a sorpassarlo, ma la curva stava arrivando velocemente e per non tamponare Andrea ho dovuto frenare di più e mi si è chiuso l’anteriore“.

Un’istantanea della carambola innescata da Jorge Lorenzo in curva 10, durante il secondo giro della gara di oggi al Montmelò (foto da: youtube.com)

In questa tipologia di curve abbiamo visto episodi simili negli ultimi anni” – continua nella sua disamina dell’accaduto Jorge – “Oggi purtroppo ho commesso un errore che ha provocato non solo la mia caduta, ma anche quella di Valentino, Maverick e Andrea, e questo è quello che mi dispiace di più. Avrei preferito cadere solo io e sono davvero costernato; ma la confusione dei primi giri di gara favorisce il sorgere di situazioni simili“.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo