MotoGp 2019 Gp di Germania, dichiarazioni di Dovizioso e Petrucci dopo le prove libere

E’ terminata la seconda giornata del weekend in Germania, sulla pista del Sachsenring. La Ducati ha vissuto una giornata estremamente complicata, con problemi di competitività.
Dovizioso durante le prove libere sul circuito del Sachsenring.
Fonte: Dovizioso Facebook

Il nono tempo di Dovizioso a sette decimi di distanza dal leader Marquez , denuncia certi problemi di prestazioni. Non ha molta dimestichezza con il tracciato tedesco. Domenica ci saranno 30 giri da percorrere e la differenza la faranno senza alcun dubbio le gomme:

“Siamo riusciti a migliorare progressivamente le nostre prestazioni ma al momento non abbiamo ancora raggiunto il livello di competitività desiderato. In particolare continuiamo a faticare con la velocità a centro curva. Ma non sono preoccupato perché è soltanto venerdì ed abbiamo ancora tempo per lavorare sulla moto. Non sono riuscito a fare un giro lanciato ‘pulito’, anche perché sto ancora faticando un po’ per un problema dovuto ad una piccola contusione alla schiena. Sul finale ho preferito non forzare troppo e preservarmi per il resto del weekend. Sicuramente saremo più veloci domattina, ma lo saranno anche i nostri rivali. Dobbiamo semplicemente restare concentrati e continuare a lavorare, sulla costanza prima ancora che sulla velocità pura, perché la gara ha 30 giri.”

Petrucci festeggia il rinnovo ottenuto con la Ducati al 2020.
Fonte: Twitter Petrucci

Il suo compagno di squadra Petrucci, a sua volta, ha parlato di una giornata estremamente complicata, in cui bisogna migliorare assolutamente il livello di passo per domenica. Ha lavorato soprattutto sul consumo delle gomme, fattore fondamentale in una pista come il Sachsenring:

“È stata una giornata un po’ più complicata di quanto ci aspettassimo perché, pur sapendo che il Sachsenring non è la pista più adatta alle caratteristiche della nostra moto, in passato qui siamo sempre stati abbastanza competitivi. Oggi invece abbiamo faticato un po’: oltre che la velocità sul giro singolo, dobbiamo innanzitutto migliorare la nostra costanza a livello di passo e gestire più efficacemente la gomma posteriore. Quando cerchiamo di preservarla non siamo abbastanza veloci e la gara qui è molto lunga. Ci resta del lavoro da fare per trovare un miglior bilanciamento ed ora analizzeremo bene i dati per farlo. Penso che il nostro potenziale sia più alto di quanto mostrato fin qui”.

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Lorenzo Carrega

Informazioni sull'autore
Giornalista Pubblicista. Esperienze in ambito giornalistico locale, non solo di sport, ma anche di cultura e tempo libero. La scrittura è la mia passione
Tutti i post di Lorenzo Carrega